sports

Il ringiovanito Albert Pujols porta la sua caccia per 700 fuoricampo al Dodger Stadium

Il ringiovanito Albert Pujols porta la sua caccia per 700 fuoricampo al Dodger Stadium


Lo slugger dei St. Louis Cardinals Albert Pujols ha segnato un fuoricampo di due punti dal lanciatore di soccorso dei Pittsburgh Pirates Chase De Jong l’11 settembre. Pujols è a due fuoricampo dal colpire 700 per la sua carriera. (Gene J. Puskar / Associated Press)

Quando la mazza di Albert Pujols ha preso fuoco all’inizio di agosto e sembrava che lo slugger dei St. Louis Cardinals avrebbe fatto un’improbabile corsa di 11 ore contro 700 homer, Mark McGwire iniziò a rintracciare il suo compagno di squadra di tanto tempo fa attraverso l’app MLB e sintonizzarsi come molte apparizioni sui piatti di Pujols come poteva.

“I suoi pipistrelli, sembra che abbia di nuovo 25 anni”, ha detto McGwire del 42enne Pujols, che era un debuttante dei Cardinals quando McGwire ha colpito l’ultimo dei suoi 583 homer in carriera con l’uniforme di St. Louis nel 2001. ” Questo ragazzo è un battitore nato”.

Ma è stato solo quando McGwire è tornato al Busch Stadium per la cerimonia di investitura nella Hall of Fame dei Cardinals di Matt Holliday il 27 agosto che ha veramente compreso – letteralmente, non in senso figurato – come Pujols, nella sua 22a e ultima stagione di big league, ha riconquistato il tuono nel suo swing.

“Quando ho visto Albert, l’ho abbracciato, ed è come, sai quando abbracci qualcuno, e dici semplicemente, ‘Oh amico, non voglio scherzare con quel ragazzo?’ McGwire ha detto in un’intervista telefonica. “Quando abbracci Albert, dici, ‘Non ho intenzione di scherzare con lui perché è forte come merda.’ Non ha perso forza”.

I fan dei Dodgers daranno un’occhiata da vicino a ciò che McGwire e gran parte del baseball si sono meravigliati negli ultimi due mesi quando Pujols e i Cardinals, leader della National League, inizieranno una serie di tre partite a Chavez Ravine venerdì sera.

Pujols ha segnato il 698esimo homer della sua carriera, un tiro di due punti che ha segnato 427 piedi a sinistra del campo in una vittoria sui Cincinnati Reds a St. Louis lo scorso venerdì sera.

Pujols non ha segnato nella serie di tre partite di questa settimana contro i San Diego Padres a Petco Park, ma con altri due lanci lunghi, si unirà a Barry Bonds (762), Hank Aaron (755) e Babe Ruth (714) come unico giocatori nella storia della major league per raggiungere 700 fuoricampo.

Per quanto i fan dei Cardinals apprezzerebbero che il numero 700 venisse colpito a St. Louis, dove Pujols ha vinto tre premi per giocatori più preziosi della NL e ha portato i Cardinals ai titoli delle World Series nel 2006 e nel 2011, il Dodger Stadium fornirebbe uno sfondo adatto per la pietra miliare sparo.

È stato qui che Pujols ha rivitalizzato una carriera che molti pensavano fosse finita quando gli Angels lo hanno rilasciato all’inizio di maggio 2021 dopo che Pujols ha prodotto zero vittorie nei playoff nel corso dei suoi 10 anni di contratto da $ 240 milioni, e dove la sua stagione 2022 in calo ha ottenuto un booster sparo.

Pujols è stato il battitore destrorso più temuto del baseball nei primi 11 anni della sua carriera nella Hall of Fame a St. Louis, dove ha segnato .328 con una percentuale di 1.037 in base più colpi, 445 homer e 1.329 RBI ed è stato soprannominato “la macchina” a causa della sua produzione simile a un metronomo.

Sebbene abbia raggiunto i suoi 500 e 600 homer e raccolto il suo 3.000esimo colpo e il 2.000esimo RBI per gli Angels, diverse lesioni alla parte inferiore del corpo e l’età hanno indebolito il primo baseman del suo potere prodigioso e la sua produzione è crollata. Ha raggiunto .256 con un .758 OPS e una media di 24 homer e 85 RBI in nove stagioni complete ad Anaheim.

Meno di una settimana dopo il suo rilascio, Pujols, allora 41enne e con 667 homer in carriera, firmò con i Dodgers. Il passaggio a un contendente alle World Series, anche in un ruolo minore, sembrava “riaccendere il suo amore per il gioco”, ha detto McGwire. “Ha di nuovo acceso il fuoco dentro di lui.”

Justin Turner, terza base dei Dodgers, abbraccia Albert Pujols dopo aver segnato un fuoricampo nella partita jolly il 6 ottobre 2021.

Albert Pujols abbraccia Justin Turner dopo il fuoricampo di Turner nella partita jolly dei Dodgers contro i St. Louis Cardinals il 6 ottobre 2021. (Robert Gauthier/Los Angeles Times)

Pujols ha raggiunto .254 con un .759 OPS, 12 homer e 38 RBI in 85 partite per i Dodgers, incluso un .953 OPS contro i mancini, e ha apprezzato il suo ruolo di mentore per i suoi nuovi compagni di squadra, che lo chiamavano affettuosamente “Tio Albert” e cercò i suoi abbracci da orso nella panchina.

“Ho visto un Albert diverso l’anno scorso quando è arrivato qui”, ha detto l’allenatore della terza base dei Dodgers Dino Ebel, allenatore degli Angels dal 2006 al 2018. “So che le cose non sono andate come voleva con gli Angels, ma quando è arrivato qui, era felice. Era un ragazzo diverso.

“Conosceva il suo ruolo. Ha accettato il suo ruolo. La squadra ha comprato su di lui. Ha accettato il sistema, la cultura. Si è adattato perfettamente e penso che abbia fatto la differenza in Albert e nel modo in cui sta finendo la sua carriera ora.

Pujols ha ricevuto messaggi di testo regolari e chiamate FaceTime da ex compagni di squadra dei Dodgers che offrono incoraggiamento durante la sua ricerca di 700 e non vede l’ora di riconnettersi con loro questo fine settimana.

“È stato fantastico”, ha detto Pujols del suo periodo nei Dodgers. “Suonare lì per cinque mesi e l’energia dei fan e il modo in cui l’organizzazione mi ha trattato con rispetto e onore, è stato davvero speciale. E tornare ai playoff… quel posto era elettrizzante. Penso che questo sia ciò che mi ha davvero aiutato a tornare e giocare un altro anno”.

Quando Pujols ha firmato un contratto di un anno da 2,5 milioni di dollari per tornare a St. Louis lo scorso marzo, è stato considerato una sorta di gesto di buona volontà dai Cardinals, quindi l’icona locale ha potuto ottenere alcune battute contro lanciatori mancini e goditi un tour d’addio con gli altri veterani dei Cardinals Adam Wainwright, 41 anni, e Yadier Molina, 40 anni.

Relegato a un ruolo di battitore e pinch-hitter designato dal plotone, le probabilità che Pujols battesse i 21 homer di cui aveva bisogno per 700 sembravano lunghe. L’età e gli infortuni avevano avuto un impatto. Pujols ha segnato più di 21 homer una volta nelle sue cinque stagioni precedenti.

Il suo tiepido inizio del 2022 non ha alimentato molte speranze. Pujols ha avuto una media di 0,189, 0,601 OPS, quattro homer e 17 RBI nelle sue prime 43 partite – e nelle prime 87 partite della squadra – fino al 4 luglio.

Ma una selezione legacy all’All-Star Game del 19 luglio e una corsa sorprendente alle semifinali del derby di casa al Dodger Stadium, dove i suoi compagni All-Stars lo hanno avvolto in un abbraccio di gruppo durante il derby, sembravano ringiovanire Pujols.

I pujols si sono riscaldati a fine luglio e sono decollati all’inizio di agosto. In 38 partite dal 10 agosto, Pujols ha segnato .313 (35 per 112) con 1.071 OPS, 12 homer – il terzo più nel baseball in quell’intervallo – e 29 RBI per spingere la sua media stagionale (.261) e OPS (.845) ad altezze che non vedeva dal 2012, quando ha raggiunto .285 con un .859 OPS, 30 homer e 105 RBI nel suo primo anno con gli Angels.

“E ‘stata una bella storia per lui tornare a St. Louis, e non credo che nessuno avesse alcuna aspettativa”, ha detto la prima base dei Dodgers Freddie Freeman. “E poi era così eccitato all’All-Star Game. È stato così bello vederlo essere giovane e fare il derby e tutte quelle cose. Per lui si è accesa una piccola scintilla”.

I compagni All-Star rendono omaggio ad Albert Pujols (5) durante il derby casalingo al Dodger Stadium il 18 luglio 2022.

I compagni All-Stars rendono omaggio ad Albert Pujols (5) durante il derby casalingo al Dodger Stadium il 18 luglio. (Gina Ferazzi/Los Angeles Times)

Pujols ha sempre schiacciato i mancini – ha una media di .301 in carriera e .954 OPS e sta colpendo .352 con un 1.154 OPS contro di loro in questa stagione – ma ha colpito i destri così bene che “è difficile prendere la sua mazza fuori dalla formazione”, ha detto l’allenatore della panchina dei Cardinals Skip Schumaker.

Schumaker, un ex utility man che ha giocato con Pujols dal 2005 al 2012, ha detto che le origini dello sbarramento fuoricampo di Pujols sono più profonde del derby. Una rimessa laterale di 102,5 mph sul campo sinistro contro il mancino dei Braves Will Smith nel settimo inning di una partita del 7 luglio ad Atlanta potrebbe essere stata la scintilla.

“Tornò alla panchina e disse: ‘Amico, penso di aver trovato qualcosa'”, ha detto Schumaker. “Ha eliminato una mossa nel modo in cui carica le mani, si è accorciato sulla palla e qualcosa è scattato dove si sentiva un po’ come se fosse tornato nell’era 2005-2010. Penso che abbia avuto modo di provarlo nel derby di casa”.

L’OPS di Pujols di 1.224 ad agosto è stato il migliore nel baseball tra i giocatori con 65 presenze di targa o più. La sua percentuale di colpi di .803 quel mese ha segnato solo la terza volta nella sua carriera che ha segnato .800 o meglio in un mese di calendario.

Ha segnato cinque homer in un arco di cinque partite dal 14 al 20 agosto, la sua marcia verso i 700 si è trasformata in uno sprint e ha alimentato la spinta della sua squadra da una metà partita dietro Milwaukee nell’NL Central all’All-Star break a un 7 1/2: vantaggio nel gioco.

“Non so quante di quelle partite ad agosto avremmo vinto senza di lui, onestamente”, ha detto Wainwright. “È pazzesco dirlo perché abbiamo il candidato MVP n. 1 [Paul Goldschmidt] e il candidato MVP n. 2 [Nolan Arenado] nella nostra squadra, e Albert ci ha portato. È stato uno dei, se non il, motivo principale per cui abbiamo preso il grande vantaggio nella nostra divisione”.

Pujols, che ha sei anni in più del manager del primo anno dei Cardinals Oliver Marmol, inizialmente ha deriso una domanda sulla sua sovratensione nel secondo tempo.

“Fonte d’energia? OK, immagino di non avere alcun potere, quindi ho dovuto cercarne un po ‘”, ha detto Pujols durante la serie Padres. “Niente [changed]. Ho portato lo swing che avevo durante l’allenamento primaverile nella stagione sapendo che se mi fido del mio processo, come ho sempre fatto per 23 anni da professionista, prima o poi arriverà.

“Perché ci è voluto così tanto, non lo so. Penso che Dio abbia i suoi modi per cambiare le cose. Ma per me, stavo solo cercando di ripetere davvero lo stesso swing che ho fatto per tutta la mia carriera”.

La corsa di Pujols a 700 è stata oscurata dall’inseguimento Triple Crown dello slugger dei New York Yankees Aaron Judge e dalla costruzione di quella che potrebbe essere la più grande prestazione offensiva in una sola stagione nella storia del baseball, ma ciò non diminuisce in alcun modo i risultati di Pujols.

Ci sono stati circa 22.800 giocatori della big league, ma solo tre sono nell’esclusivo 700 Club di baseball, con Pujols che bussa alla porta, non importa quanto sminuisca l’inseguimento.

Il battitore designato dai Cardinals Albert Pujols punta verso il cielo dopo il suo fuoricampo contro i Diamondbacks il 20 agosto.

Il battitore designato dai Cardinals Albert Pujols punta verso il cielo dopo il suo fuoricampo contro i Diamondbacks il 20 agosto. (Matt York/Associated Press)

“Non inseguo i numeri, non inseguo 100 [homers], e ne ho 698”, ha detto Pujols. “Quello che sto inseguendo è un altro [World Series] anello per il Comune di St. Louis e per i nostri tifosi. Ecco perché ho firmato di nuovo quest’anno”.

I Cardinals hanno 11 partite rimaste, le ultime sei contro gli ultimi Pittsburgh Pirates. Se Pujols finisce la stagione fermo a 698 o 699 homer, non ci sarà alcun tentativo di raggiungere i 700 nel 2023.

Nonostante i numeri del secondo semestre che Wainwright riconosce siano “sorprendenti per un 42enne”, la Macchina verrà spenta questo inverno. Pujols ha detto a marzo che questa sarà la sua ultima stagione e questa settimana ha ribadito che i suoi piani non sono cambiati.

“Devi andare con il tuo cuore, e penso che sia per questo che l’ho detto durante l’allenamento primaverile, perché sapevo che sarebbe successo qualcosa del genere, e se finissi con un buon anno o avessi successo, sarebbe cambiato il mio mente”, ha detto Pujols.

“Ma quando dico qualcosa, lo farò. Quindi mi ritirerò dopo le World Series e mi godrò la mia vita, la mia carriera, la mia famiglia e tutto ciò che ho realizzato in questo gioco”.

Questa storia è apparsa originariamente sul Los Angeles Times.

Leave a Comment