sports

Gli Stati Uniti dominano i quartetti del Day 1 portandosi in vantaggio per 4-1

Gli Stati Uniti dominano i quartetti del Day 1 portandosi in vantaggio per 4-1


La 14a Presidents Cup è iniziata giovedì al Quail Hollow Club con cinque partite a quattro (colpo alternato).

Gli Stati Uniti hanno vinto la sessione, 4-1, conducendo l’ingresso al Day 2, che sarà caratterizzato da cinque partite a quattro palle (miglior palla). Ecco come si è svolto il giorno di apertura a Charlotte, nella Carolina del Nord:

Partita 1: Patrick Cantlay/Xander Schauffele (USA) def. Adam Scott/Hideki Matsuyama (INT), 6;

Scott ha segnato il tiro di apertura di queste partite e gli internazionali hanno tenuto l’onore solo per un’altra buca. Cantlay e Schauffele hanno dominato questa partita dall’inizio alla fine anticipata poiché hanno vinto la terza buca con un par e poi hanno realizzato quattro birdie in un tratto di cinque buche, iniziando dal quinto par-4.

La squadra statunitense ha costruito un vantaggio di 3-up attraverso 10 buche e il duo internazionale veterano ha offerto poca resistenza nella metà interna. Scott e Matsuyama hanno bogeyed n. 11-13 per dare agli Stati Uniti il ​​primo punto della competizione. Schauffele e Cantlay sono passati al 5-0 come squadra in quattro, in entrambe le coppe Ryder e Presidents.

Punteggio dell’intera partita della Presidents Cup

Partita 2: Jordan Spieth/Justin Thomas (USA) def. Sungjae Im/Corey Conners (INT), 2 e 1

Spieth e Thomas si sono uniti solo per due uccellini, ma non si sono mai lasciati indietro. È stato un par, infatti, che ha fornito il momento più avvincente della partita.

In testa 1 su 15th buca, il tee shot di Spieth sul par 4 è andato a sinistra, saltando fuori da un ostacolo e nel rough profondo. Thomas ha giocato un ottimo tiro di approccio che ha attraversato la superficie del putting (con la buca in una posizione frontale) e Spieth poi è quasi uscito dal green. Thomas è seguito dal fare il 27 piedi per il par.

È stato anche abbastanza buono per vincere la buca e salire di 2. Lo hanno chiuso con altre due par. Spieth è ora 6-0 nel quartetto della Presidents Cup.

Match 3: Cameron Young/Collin Morikawa (USA) def. Tom Kim/KH Lee (INT), 2 e 1

Young e Morikawa hanno segnato 3-0 per la squadra di casa, nonostante sia stata l’unica squadra statunitense ad essere rimasta indietro nelle prime quattro ore e mezza di giovedì.

Hanno bloccato la seconda buca facendola cadere di 1 punto e la partita non è mai stata maggiore di una differenza di due buche. È stato pareggiato attraverso 12 buche, quando Young e Morikawa hanno birdwatchato il par-4 13th per trarne un vantaggio non rinuncerebbero mai.

Il debuttante Young ha sigillato la partita con un birdie di 26 piedi alle 17th.

Partita 4: Si Woo Kim/Cam Davis (INT) def. Scottie Scheffler/Sam Burns (Stati Uniti), 2 su

Questo sembrava essere simile alla partita 1: due buoni amici statunitensi che hanno affrontato un tandem internazionale sovrastimato. Scheffler e Burns erano 3 su sette buche, ma Kim e Davis hanno continuato a scheggiare.

I visitatori hanno vinto il 15th buca grazie a un doppio spauracchio della parte statunitense e poi ha vinto il 16th buco con un uccellino tutto loro. Un altro uccellino alle 17th ha dato a Kim e Davis un vantaggio di 1 su con uno da giocare.

Kim e Davis avevano solo bisogno di un par concesso all’ultimo per vincere la loro quarta buca consecutiva e dare alla squadra internazionale il suo primo punto.

Partita 5: Tony Finau/Max Homa (USA) def. Taylor Pendrith/Mito Pereira (INT), 1 su

Questo è stato tutto serrato e il suo risultato è stato enorme per entrambe le parti.

Legato attraverso 15 buche, Pendrith aveva bisogno di fare un birdie di 25 piedi al par-5 16th per fare il buco. Lui fece. Homa ha quindi dovuto fare un 4 piedi per il par al 17th per fare il buco. Lui fece.

Al par-4 18th, Pereira ha tirato il suo tee shot nel rough sinistro mentre Homa ha trovato il fairway. Dopo che Pendrith ha piazzato il suo secondo tiro in un bunker greenside, Finau ha giocato il suo approccio in sicurezza al centro del green, 25 piedi a destra della buca.

Pereira schizza fuori a 12 piedi. Homa ha mancato il suo tentativo di vittoria, ma si è assicurato il par della sua squadra, lasciando Pendrith con la possibilità di pareggiare la buca e la partita. Ha mancato, dando agli Stati Uniti un comodo vantaggio entrando in fourballs.

Leave a Comment