headlines

Boeing accetta di pagare $ 200 milioni di sanzioni

Boeing accetta di pagare $ 200 milioni di sanzioni


Boeing sta cercando di risolvere il caso degli incidenti mortali di uno dei suoi aerei, il 737 MAX. Accusato dal poliziotto americano dei mercati finanziari (SEC, per Commissione Titoli e Cambi) di aver diffuso pubblicamente diversi messaggi affermando, nonostante questi due incidenti, che questo modello non presentava rischi, giovedì 22 settembre Boeing ha accettato di pagare 200 milioni di dollari.

Responsabile di questi messaggi all’epoca, l’ex direttore generale della società, Dennis Muilenburg, da parte sua accettò di pagare un milione di dollari di sanzioni.

È principalmente un problema con il software di volo, MCAS, che ha causato la pericolosa perdita di quota di un Lion Air 737 MAX nell’ottobre 2018, quindi di un simile aereo Ethiopian Airlines nel marzo 2019, senza che i piloti riescano a raddrizzarli. Gli incidenti hanno provocato 346 morti e messo a terra il 737 MAX per 20 mesi.

Leggi anche: Tre anni dopo l’incidente che ha ucciso 157 persone, Ethiopian Airlines riprende i voli con il Boeing 737 MAX

“Dopo il primo incidente, Boeing e Muilenburg sapevano che l’MCAS era un problema di sicurezza, ma ciononostante hanno assicurato al pubblico che il 737 MAX era ‘sicuro come qualsiasi aereo che abbia mai volato nel cielo'”rileva la SEC in un comunicato stampa.

“Più tardi, dopo il secondo incidente, Boeing e Muilenburg hanno assicurato al pubblico che non ci sono stati slittamenti o lacune nel processo di certificazione MCAS, nonostante fossero a conoscenza di informazioni contrarie”aggiunge l’agenzia.

L’Autorità per l’Aviazione degli Stati Uniti è stata fuorviata

Boeing aveva già ammesso nel gennaio 2021 che due dei suoi dipendenti avevano fuorviato un gruppo dell’Autorità per l’aviazione degli Stati Uniti responsabile della preparazione dell’addestramento dei piloti per il software MCAS. Il colosso aeronautico aveva poi accettato di pagare più di 2,5 miliardi di dollari per dirimere alcune cause – tra cui una sanzione penale di 243,6 milioni, 1,77 miliardi di risarcimento alle compagnie aeree che avevano ordinato il 737 MAX e 500 milioni per un fondo destinato a risarcire i parenti di le vittime.

La SEC ha scoperto che Boeing e il signor Muilenburg avevano violato le leggi del mercato azionario ingannando gli investitori. Se hanno accettato di pagare una penale, il gruppo come l’ex dirigente non ammette né smentisce le conclusioni dell’agenzia, precisa il comunicato.

Leggi anche Articolo riservato ai nostri iscritti Boeing 737 MAX: “Stiamo scoprendo un vero e proprio “dieselgate” del settore aeronautico”

“In tempi di crisi e tragedia, è particolarmente importante che le società quotate in borsa e i loro manager forniscano ai mercati informazioni complete, corrette e veritiere. La Boeing Company e il suo ex capo, Dennis Muilenburg, hanno fallito in questo obbligo fondamentale.ha commentato il presidente della SEC Gary Gensler nella dichiarazione.

La SEC accusa in particolare Boeing di aver emesso un comunicato stampa, annotato e approvato dal Sig. Muilenburg, un mese dopo l’incidente della Lion Air, evidenziando solo alcuni passaggi di un rapporto delle autorità indonesiane che suggerivano che la colpa fosse del pilota e di una scarsa manutenzione .

Omissioni seriali

Il documento non menzionava nemmeno una valutazione interna che concludeva che MCAS si poneva bene. “un problema di sicurezza aerea” e che Boeing aveva già iniziato a lavorare su modifiche per risolverlo.

Sei settimane dopo l’incidente aereo della Ethiopian Airlines, Muilenburg ha anche detto ad analisti e giornalisti che non ci sono state sorprese nel processo di certificazione MCAS e che Boeing ha verificato di aver seguito tutti i passaggi normativi. I documenti in seguito hanno mostrato che Boeing aveva già identificato problemi nel processo.

L’accordo con la SEC “fa parte degli sforzi più ampi dell’azienda per risolvere in modo responsabile questioni legali in sospeso relative agli incidenti del 737 MAX in un modo che serva al meglio gli interessi dei nostri azionisti, dipendenti e altre parti interessate”ha detto un portavoce della Boeing. Il gruppo, dal 2019, “fatto grandi e profondi cambiamenti”in modo da “rafforzare i processi di sicurezza e il controllo dei problemi di sicurezza”Ha aggiunto.

Un avvocato dei familiari delle vittime dell’incidente della Ethiopian Airlines, Robert Clifford, chiede, da parte sua, il proseguimento delle indagini a carico “Muilenburg o chiunque altro abbia convinto il governo a far volare il Boeing 737 MAX”evocando comportamenti “Potenzialmente di natura criminale”.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti A Farnborough, Boeing offre una piacevole boccata d’aria fresca

Il mondo con AFP

Leave a Comment