golf

Greg Norman fa lobby per LIV Golf durante la visita al Congresso, riceve recensioni contrastanti

Greg Norman fa lobby per LIV Golf durante la visita al Congresso, riceve recensioni contrastanti


Mercoledì, il CEO e commissario di LIV Golf Greg Norman ha incontrato i legislatori federali a Capitol Hill per fare pressioni a nome del nuovo circuito finanziato dal Fondo per gli investimenti pubblici dell’Arabia Saudita, e il suo messaggio è stato accolto con recensioni contrastanti da parte dei politici.

Il rappresentante Tim Burchett del Tennessee ha detto a ESPN di aver abbandonato la riunione del pranzo di Norman con il Comitato di studio repubblicano e ha descritto i suoi sforzi di lobbying come “propaganda”. Ha anche preso su Twitter per mettere in discussione le connessioni dell’Arabia Saudita agli attacchi dell’11 settembre e al suo ruolo nell’assassinio dell’editorialista del Washington Post Jamal Khashoggi, cittadino statunitense.

“È propaganda”, ha detto Burchett dell’incontro di Norman. “Non voglio sentirne parlare. Non è affare del Congresso risolvere una rissa tra un gruppo di miliardari per una partita a golf. Devono portarla in tribunale. Il Congresso ha commesso un grave errore coinvolgendosi nel Major League Baseball Qui abbiamo a che fare con a [league] finanziato da alcuni sauditi. Pensavo solo che le nostre priorità fossero fuori controllo”.

Norman ha detto ai giornalisti dopo la riunione del pranzo che voleva che i legislatori avessero “entrambi i lati della storia per far loro capire di cosa tratta LIV”, secondo un rapporto di The Hill.

“Non entrare qui e comportarti come se stessi facendo qualcosa di eccezionale, mentre stai sfruttando un miliardo di dollari di denaro dell’Arabia Saudita”, ha detto ai giornalisti il ​​rappresentante Chip Roy del Texas dopo la riunione del pranzo.

“Rispetto Greg e i suoi [right] uscire e fare quello che vuole”, ha detto Roy a ESPN mercoledì. “Ma non è così semplice come cerca di farla sembrare. Dice che vogliono solo competizione, ed è come se ci fossero colibrì e farfalle che volano ovunque. Il grande, cattivo PGA Tour e il suo monopolio stanno impedendo loro di avere la loro piccola e fantastica competizione. È molto, molto più complesso di così”.

Roy ha detto di aver interrogato Norman sul motivo per cui LIV Golf ei suoi dipendenti non sono registrati come agenti stranieri presso il governo federale. Norman ha detto ai giornalisti che LIV Golf è un’operazione commerciale, “quindi siamo qui solo per far crescere il gioco del golf”.

Roy ha detto che Norman ha cercato di evitare di parlare dei collegamenti di LIV Golf con l’Arabia Saudita.

“Onestamente non volevano parlare dell’Arabia Saudita”, ha detto Roy. “Questa è la verità onesta. Penso che sia stato presentato come qualcosa per entrare lì e in qualche modo spiegarlo e parlarne, ma ho sentito che era molto chiaro che non volevano parlarne. L’ex presidente Trump, che da il modo è finanziariamente interessato a LIV, ha detto che si tratta di un miliardo di dollari di pubblicità per il regno dell’Arabia Saudita. Lo stanno solo liquidando “.

Roy ha detto che circa 75 membri del Congresso hanno partecipato alla riunione, in cui Norman ha parlato per circa 20 minuti. Altri legislatori hanno interrogato Norman sull’impatto che avrebbe avuto sul PGA Tour e sul suo lavoro di beneficenza, mentre altri avevano “un certo interesse a sapere se ci fosse una sorta di domanda sulla concorrenza e se ci fossero interferenze in corso o se il PGA Tour bloccasse la concorrenza”.

“Non si tratta di pura concorrenza”, ha detto Roy. “Non venire qui e cercare di vendermi qualcosa che non è quello che stai effettivamente vendendo. Stai vendendo qualcosa che è molto aderente ai sauditi, quindi i sauditi possono raggiungere il loro obiettivo e Greg può realizzare il suo Ha sempre voluto avere un’operazione rivale da portare in tour, e non è stato in grado di farlo fino a quando non ha ottenuto un papà di zucchero da un miliardo di dollari noto come il regno dell’Arabia Saudita”.

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha aperto un’indagine per verificare se il PGA Tour stia tentando illegalmente di schiacciare la concorrenza. Il PGA Tour ha negato le accuse.

LIV Golf e una manciata di suoi giocatori hanno anche intentato una causa federale antitrust contro il PGA Tour per aver sospeso i membri per aver giocato in eventi LIV Golf e per aver presumibilmente fatto pressioni su fornitori, reti di trasmissione, agenti e altri affinché non lavorassero con la nuova lega.

Il Washington Examiner ha riferito mercoledì che Norman ha incontrato anche alti repubblicani del comitato giudiziario della Camera, tra cui Jim Jordan dell’Ohio e Matt Gaetz della Florida, e ha detto ai legislatori che era disposto a testimoniare davanti al Congresso per discutere di questioni antitrust.

ESPN ha confermato mercoledì che Norman ha incontrato anche il frustino della maggioranza della Camera Jim Clyburn, un democratico della Carolina del Sud, e il senatore Joe Manchin del West Virginia. Il portavoce di Clyburn ha affermato che il legislatore ha anche incontrato di recente la leadership del PGA Tour.

“Sono molto incoraggiato dal fatto che il signor Norman si sia offerto di testimoniare alla commissione giudiziaria della Camera durante la mia discussione con lui oggi”, ha detto Gaetz in una dichiarazione a ESPN. “Ha una vasta conoscenza del ruolo del golf nella cultura e nel mondo. Credo che il paese trarrebbe vantaggio dall’ascoltare di più la sua prospettiva”.

Gli scrittori senior di ESPN Michael Fletcher e Mark Fainaru-Wada hanno contribuito a questo rapporto.

Leave a Comment