La Corea del Nord approva la legge che autorizza gli attacchi nucleari preventivi


Nuova escalation nel dossier dell’arsenale nucleare nordcoreano: Pyongyang ha approvato una legge che autorizza a effettuare un attacco atomico preventivo e dichiara “irreversibile” lo stato dell’energia nucleare del Paese, hanno annunciato venerdì i media statali. Questo annuncio arriva in un contesto di tese relazioni intercoreane. Pyongyang ha condotto un numero record di test missilistici quest’anno e ha incolpato Seoul per la recente epidemia di Covid-19 che ha colpito il Paese.

Questa legge consentirà al regime nordcoreano di lanciare un attacco nucleare preventivo “automaticamente” e “di distruggere immediatamente le forze ostili” se una potenza straniera dovesse minacciare Pyongyang, secondo l’agenzia statale KCNA. Con questo nuovo testo, “lo status del nostro Paese come stato dotato di armi nucleari è diventato irreversibile”, ha affermato il leader nordcoreano Kim Jong-un, secondo KCNA.

A luglio, Kim Jong-un ha affermato che il suo Paese era “pronto a dispiegare” la sua forza di deterrenza nucleare in caso di scontro militare con gli Stati Uniti e la Corea del Sud. “È completamente fuori questione (per noi) rinunciare alle armi nucleari e non ci può essere denuclearizzazione o negoziazione”, ha detto giovedì in un discorso davanti al parlamento nordcoreano, secondo KCNA.

Test missilistici di primavera

Questo nuovo testo testimonia la fiducia di Kim Jong-un nelle capacità nucleari e militari del suo Paese, in particolare nei suoi missili balistici intercontinentali che possono colpire gli Stati Uniti, ha detto all’AFP Cheong Seong-chang del centro studi. . Questa legge “giustifica pubblicamente l’uso di armi nucleari da parte di Pyongyang”, in particolare in risposta a un attacco non nucleare, ha osservato Cheong.

Quest’anno la Corea del Nord ha effettuato una serie record di test sulle armi, incluso il lancio di un missile balistico intercontinentale per la prima volta dal 2017. Funzionari statunitensi e sudcoreani hanno ripetutamente avvertito che il Nord si sta preparando a condurre un altro test nucleare.

Edizione 7° test nucleare in arrivo

La questione irrisolta dell’allentamento delle sanzioni e di cosa Pyongyang sarebbe disposta a dare in cambio ha bloccato i negoziati tra Washington e Pyongyang dal 2019. Per Yang Moo-jin, professore all’Università di studi nordcoreani, il nuovo testo ribadisce chiaramente la posizione di Pyongyang, che ritiene che i negoziati sulla denuclearizzazione non siano più all’ordine del giorno.

“Pyongyang probabilmente stringerà legami più stretti con Cina e Russia contro Washington e (…) condurrà un settimo test nucleare nel prossimo futuro”, ha detto all’AFP.

Il mese scorso Seoul ha offerto un importante pacchetto di aiuti alla Corea del Nord, tra cui cibo, energia, ma anche aiuti per l’ammodernamento delle infrastrutture, in cambio della denuclearizzazione.

La Corea del Nord, però, ha rifiutato l’offerta, definendola “il colmo dell’assurdità”. Il presidente sudcoreano Yoon Suk-yeol ha dichiarato il mese scorso che il suo governo non aveva in programma di fornire al Paese un deterrente nucleare.

Alla fine di agosto, gli Stati Uniti e la Corea del Sud hanno condotto le più grandi esercitazioni militari congiunte dal 2018 di fronte alla crescente minaccia nucleare della Corea del Nord. Washington è uno stretto alleato di Seoul per la sicurezza. Circa 28.500 soldati americani sono di stanza in Corea del Sud per proteggerla dal suo vicino.

Leave a Comment