sports

Come Billy Beane o Theo Epstein potrebbero entrare a far parte di un gruppo di proprietà

Come Billy Beane o Theo Epstein potrebbero entrare a far parte di un gruppo di proprietà


Billy Beane, vicepresidente esecutivo degli Oakland Athletics, parla con i giocatori prima della wild card della American League contro i New York Yankees il 3 ottobre 2018. (Bill Kostroun / Associated Press)

Il processo di vendita degli Angels non dovrebbe riscaldarsi fino a dopo la stagione. Mentre lo fa, sentirai i nomi di un assortimento di persone molto ricche, alcune familiari, altre no. Non avevo idea di chi fosse Mark Walter prima che lui ei suoi soci acquistassero i Dodgers dieci anni fa; ora è considerato uno dei migliori proprietari nello sport.

La ragione principale di ciò è perché lui ei suoi partner hanno inseguito Andrew Friedman per dirigere la squadra fino a quando Friedman non ha detto di sì. I soldi sono grandiosi, molti soldi sono meglio e spendere molti soldi saggiamente è il migliore.

In uno sport in cui i dirigenti cinguettano sui cicli di successo e sulle finestre di vittoria, la combinazione delle spese di Walter e dell’intelligenza di Friedman ha benedetto i Dodgers ei loro fan con un decennio di costante superiorità.

Gli Angels dovrebbero vendere per almeno $ 2,5 miliardi, più di quanto qualsiasi proprietario abbia mai pagato per comprare una squadra di baseball. A quel prezzo, dovresti includere un vincitore comprovato nel tuo gruppo di proprietà.

Ed è per questo che i nomi da tenere d’occhio alle lotterie degli Angels potrebbero non essere i ragazzi spesso anonimi con le tasche profonde. I nomi più intriganti da tenere d’occhio potrebbero essere Billy Beane e Theo Epstein.

Dopo 25 anni trascorsi a mettere insieme vincitori economici a Oakland, si dice che Beane sia disincantato dalla palla da demolizione che il proprietario dell’Atletica John Fisher ha portato sul libro paga della squadra quest’anno, con il nuovo campo da baseball a lungo promesso ancora anni dalla prima realtà possibile .

Il giocatore con lo stipendio più alto nel suo attuale roster: l’infielder-outfielder Chad Pinder, a $ 2,725 milioni. Gli A hanno il peggior record dell’American League, in procinto di perdere 100 partite per la prima volta dal 1979.

Beane, 60 anni, è meglio conosciuto per “Moneyball” – il libro, il film, la popolare scorciatoia per la rivoluzione analitica – e spesso disprezzato da alcuni giocatori di baseball a causa di tutta l’attenzione profusa su un ragazzo le cui squadre non sono mai passate alle World Series.

Tuttavia, nelle sue 25 stagioni a Oakland, gli A hanno raggiunto i playoff 11 volte, gli Angels sette.

Ha rifiutato le opportunità di dirigere i Boston Red Sox e i New York Mets, preferendo crescere la sua famiglia nella Bay Area. Una volta deteneva una quota di proprietà del 4% negli A’s. Ma è cresciuto a San Diego, i ragazzi ora vanno al liceo e negli anni ha flirtato con l’idea di rilevare una squadra nel sud della California.

Nel 2002, quando Beane rifiutò i Red Sox, la squadra assunse Epstein come direttore generale. I Red Sox hanno vinto le World Series nel 2004, per la prima volta dal 1918, e poi di nuovo nel 2007.

Nel 2011, Epstein è passato ai Chicago Cubs. Nel 2016 i Cubs hanno vinto le World Series, per la prima volta dal 1908.

Il presidente delle operazioni di baseball dei Chicago Cubs Theo Epstein parla a una disponibilità dei media.

Il presidente delle operazioni di baseball dei Chicago Cubs Theo Epstein parla a una disponibilità dei media durante gli incontri annuali dei direttori generali della Major League Baseball a Scottsdale, in Arizona, il 13 novembre 2019. (Matt York/Associated Press)

Se Epstein potesse porre fine alla Maledizione del Bambino e alla Maledizione del Caprone, certamente potrebbe gestire la Maledizione di Harry Sidhu.

In 18 anni, le sue squadre hanno raggiunto i playoff 11 volte. Quando si è allontanato dai Cubs, ha detto questo: “Far parte di un gruppo di proprietà è qualcosa che mi ha sempre attratto, ma può sembrare così irraggiungibile che non sono ancora stato davvero realistico al riguardo”.

Qualsiasi gruppo di proprietà degli Angels sarebbe fortunato a includere Beane o Epstein, come volto pubblico del gruppo. Ciò sarebbe ancora più vero per i molteplici investitori giapponesi – quasi tutti sconosciuti ai fan qui – che esplorano se fare un’offerta per gli Angels.

I giochi degli Angels vengono regolarmente trasmessi in televisione in Giappone, grazie a Shohei Ohtani, quindi la consapevolezza del marchio è enorme lì, abbastanza grande che gli Angels potrebbero valutare bene lì anche se Ohtani se ne andasse dopo la prossima stagione. Ma non si sa mai: una combinazione di investitori giapponesi e Beane o Epstein alla guida del team potrebbe aiutarlo a convincerlo a rimanere ad Anaheim.

Beane o Epstein aiuterebbero un gruppo di investitori a ottenere l’approvazione dai proprietari della Major League Baseball, che potrebbero stare tranquilli sul fatto che qualcuno che ha dimostrato di poter vincere senza spendere come un matto dirigerebbe una squadra nel secondo mercato più grande della lega.

Epstein potrebbe essere particolarmente difficile da rifiutare per i proprietari, dal momento che ha lavorato instancabilmente come consulente nell’ufficio della lega, valutando le riforme intese a rendere il baseball più attraente e scattante per il cliente pagante. Tra le riforme che dovrebbero essere annunciate venerdì, per la stagione 2023: il pitch clock e le restrizioni sui turni difensivi.

Per un gruppo di proprietà, la parte finanziaria del processo di approvazione è quella critica: questo gruppo ha i soldi per acquistare la squadra e gestirla in modo competitivo?

Per i fan, il giocatore più prezioso in un gruppo di proprietà potrebbe essere quello che firma i battitori e i lanciatori, non quello che firma gli assegni.

Il secondo classificato nella gara dei Dodgers, l’attuale proprietario dei New York Mets Steven Cohen, aveva preso di mira Tony La Russa per guidare la squadra. Sarebbe stato un disastro, sulla base del successivo incarico di La Russa nella stessa posizione con gli Arizona Diamondbacks.

Invece, i Dodgers hanno preso Walter, e poi hanno preso Friedman. I nuovi proprietari degli Angeli, chiunque essi siano, farebbero bene a prendere Beane o Epstein.

Questa storia è apparsa originariamente sul Los Angeles Times.

Leave a Comment