Charles eredita una colossale fortuna stimata in 425 milioni di euro


Con la morte della regina Elisabetta II, suo figlio maggiore, Carlo, diventa re a 73 anni e passerà alla storia come il monarca più anziano a salire al trono. Il suo modo di vivere a volte criticato è stato finora alimentato dalle rendite del Ducato di Cornovaglia, creato nel 1337 per garantire la sussistenza dell’erede al trono. Questi 53.000 ettari di terreni agricoli, aziende e proprietà gli portano più di 20 milioni di sterline all’anno. Questa somma andrà al principe Williams, suo figlio maggiore. La fortuna personale di Charles è stimata in $ 100 milioni (£ 87 milioni) da celebritynetworth.com.

Nessuna tassa di successione

Il nuovo re eredita ora la fortuna privata della madre, un colossale patrimonio che riceverà senza dover pagare la tassa di successione, privilegio riservato alle successioni reali. Un’esenzione che risale al 1993 per evitare che, se più monarchi dovessero morire a pochi anni di distanza, l’eredità del re o della regina svanirebbe, riducendosi del 40% ad ogni eredità.

Secondo il Sunday Times, Elisabetta II era a capo di una fortuna personale di 370 milioni di sterline nel 2022, 5 milioni in più rispetto all’anno precedente. Carlo lascerà in eredità il castello di Balmoral, luogo di villeggiatura estiva della famiglia reale, e la residenza di Sandringham, dove la famiglia reale celebra tradizionalmente i festeggiamenti di fine anno. Due proprietà della regina, mentre Buckingham Palace, la residenza reale londinese, e il Castello di Windsor, a una trentina di chilometri a ovest della capitale, sono proprietà demaniali.

Inoltre, la regina aveva anche un ampio portafoglio di azioni e una collezione reale di francobolli il cui valore è stimato in 100 milioni di sterline, secondo gli autori della “Rich List” classifica 2021 del Times. I famosi gioielli della corona, del valore di circa 3 miliardi di sterline, appartenevano simbolicamente alla regina e vengono automaticamente trasmessi al suo successore. Il principe Filippo, marito di Elisabetta, ha lasciato una proprietà più modesta di 30 milioni di sterline quando è morto nell’aprile 2021, secondo celebritynetworth. Possedeva in particolare una collezione di dipinti e 3.000 opere, la maggior parte delle quali sarebbe stata lasciata in eredità ad amici e familiari.

« Concessione sovrana »

Divenendo re, Carlo eredita il Ducato di Lancaster, proprietà dei reali sin dal Medioevo, che aveva generato durante l’anno fiscale terminato a marzo 24 milioni di sterline di reddito privato destinato al monarca britannico. Carlo riceve anche un’indennità annuale (“sovvenzione sovrana”) dal Tesoro, fissata al 15% del reddito dei beni della Corona. La “sovvenzione sovrana” permette di finanziare le spese relative alle attività ufficiali di rappresentanza del sovrano o dei suoi familiari, in particolare lo stipendio del personale, la manutenzione e la pulizia dei palazzi, le trasferte ufficiali come così come i ricevimenti.

Charles beneficia anche della “Crown Estate”, che comprende terreni ma anche un colossale parco eolico, tra le altre cose, e le cui entrate sono state restituite al Tesoro pubblico da una legge del 1760. Questa assegnazione aveva raggiunto 86,3 milioni di sterline per il 2021- 2022, tenendo conto di una sostanziale proroga per la ristrutturazione di Buckingham Palace concessa per dieci anni (34,5 milioni di sterline per il 2021-2022).

Regno Unito: muore la regina Elisabetta II, Carlo diventa automaticamente re