golf

Annika Sorenstam ha pagato la sua quota nel golf, ora la paga in avanti

Annika Sorenstam ha pagato la sua quota nel golf, ora la paga in avanti


MADEIRA, Ohio – “Un giorno faceva freddo e pioveva. …. e stavo colpendo le palle sul campo pratica, ma non volevo essere lì. Così ho chiamato mio padre”, ha ricordato Annika Sorenstam alla folla. “Ho detto: ‘Puoi venirmi a prendere?’ e lo fece. Mentre ci allontanavamo, abbiamo visto alcuni altri bambini colpire delle palle e lui mi ha guardato e ha detto: “Sai Annika, non ci sono scorciatoie per il successo”. Lo ricordo ancora oggi”.

Come uno dei più grandi, se non il il più grande giocatore di golf nella storia della LPGA, Sorenstam ha una grande reputazione, e per una buona ragione. Ha aperto la strada a questo sport, diventando la prima donna a giocare in un evento del PGA Tour dai tempi di Babe Didrikson Zaharias nel 1945. È stata inserita nella World Golf Hall of Fame poco dopo quell’impresa, nel 2003, e insignita della Medaglia presidenziale di Libertà nel 2021, a 13 anni dal suo ritiro dalle competizioni.

Allora, cosa l’ha spinta a venire a Cincinnati questa settimana?

Bene, il suo desiderio di ripagarlo.

Imparentato

LPGA: Le condizioni morbide metteranno alla prova i giocatori nel round di apertura del Queen City Championship

ESPN+ trasmetterà in streaming i gruppi in primo piano in due eventi LPGA questo mese, mettendo in evidenza i round completi di Lexi Thompson, Brooke Henderson e Danielle Kang

Gianna Clemente, 14 anni, spara 65 a Cincinnati lunedì per qualificarsi per la terza settimana consecutiva sull’LPGA

L’inaugurale Kroger Queen City Championship presentato da Procter & Gamble è qualcosa di più del golf. Si tratta di consentire alle donne di fare ciò che amano, ciò di cui sono appassionate, promuovere le relazioni e portare lo sport femminile in un centro frenetico come Cincinnati.

Un momento clou del pro-am di mercoledì è stato Kroger e Always che hanno collaborato per dare via quattro borse di studio alle giovani donne di colore della zona. Quelle quattro donne erano Caitlyn Morrow, dell’Università di Cincinnati; Jessica Williams, Università di Dayton; Onestà Lione, Università Wilberforce; e Bryanna Hall, Università del Kentucky settentrionale.

C’era un quinto destinatario, Yugandhara Nalawade della Miami University, che non era presente alla consegna del premio di mercoledì.

Le borse di studio sono arrivate come parte della nuova piattaforma di Kroger, Game Changers.

Kate Meyer, un rappresentante di Kroger, ha affermato che il torneo stesso è solo un pilastro chiave nella fondazione della piattaforma. Gli altri due pilastri provengono dal programma di leadership femminile, che si è tenuto martedì, e dal programma di borse di studio.

“Si tratta del supporto di voi donne, qui, all’inizio delle vostre carriere di leadership, lavorando e perseguendo lauree in quelli che saranno i punti di svolta di domani”, ha detto Meyer.

Sorenstam si è congratulata con i vincitori presenti con una breve clinica di putt, in cui ha insegnato loro le basi per iniziare la loro carriera nel golf: dai suggerimenti e trucchi sulla posizione del put, a come impugnare la mazza e persino come ruotare il corpo per le massime prestazioni (spalle, non polsi!).

Ha detto che era felice di far parte del torneo di questa settimana dietro le quinte, perché cerca sempre di trovare modi per aiutare le giovani generazioni di golfisti femminili. Sa che il suo viaggio sta volgendo al termine, ma ciò non significa che non possa condividere gli strumenti che ha raccolto lungo la strada per renderlo un po’ più facile per loro.

“È un ruolo importante, ma mi piace affrontarlo nel senso che ho avuto mentori nella mia vita, persone a cui ho ammirato e di cui sono grato, quindi questo è un modo per pagarlo avanti e dì grazie”, ha detto Sorenstam. “Ispirare gli altri, che sia attraverso il gioco del golf, l’incontro con altre donne o il parlare dei loro sogni, solo per ispirarli a fare qualcosa che gli piace è davvero importante per me. Che si tratti di una persona, 10 o 100. … (è importante) essere là fuori, fare ciò che dici e in cui credi”.

La storia è apparsa originariamente su GolfWeek

Leave a Comment