Xavi Simons mette già tutti d’accordo


Cosa c’è dopo questo annuncio

La Ligue 1 ne aveva pochissimo assaggio, l’Eredivisie ora lo apprezza fine settimana dopo fine settimana. E per una buona ragione. Dalla ripresa del campionato olandese, il talento di Xavi Simons ha stupito le campate del Philips Stadion e impressionato la concorrenza. La sua nuova doppietta nella grande vittoria del PSV contro l’FC Volendam (7-1) è anche la prova di un fragoroso inizio di stagione raggiunto dalla grande speranza del calcio olandese. Lontano dalla capitale francese dove aveva giocato solo nove partite in tutte le competizioni la scorsa stagione e solo 129 brevi minuti di gioco in L1, il Batave tratta.

Quarto con dodici unità, il PSV, che dista solo un punto dal Feyenoord Rotterdam e dall’AZ Alkmaar, punta, infatti, sulle qualità del suo giovane talento di 19 anni. Orchestratore di un 4-3-3 che aveva mostrato tutte le sue qualità contro l’AS Monaco durante gli spareggi di Champions League, Ruud Van Nistelrooy non esita a sfruttare la versatilità di Simons sull’attacco. Risultati? Il bambino di Amsterdam gioca e schizza il campionato con la sua classe e la sua compostezza sotto porta. Centrocampista offensivo durante le prime due giornate, all’ex parigino è stata poi affidata la responsabilità di animare la corsia destra del Boeren prima di partire al culmine negli ultimi due incontri. E indipendentemente dalla posizione, Simons si diverte.

Statistiche storiche e primi trofei…

Dopo cinque giorni trascorsi nell’élite del calcio olandese, il numero 7 del PSV ha 6 gol e 2 assist. Xavi Simons ha già riempito la sua bacheca dei trofei vincendo la Supercoppa d’Olanda dopo una partita spettacolare contro l’Ajax (5-3). Una partita in cui trova anche la rete dopo essere entrato in gioco al 73′. Un esordio in fanfara che gli permette anche di entrare nella storia dell’Eredivisie poiché nessun giocatore prima di lui aveva mostrato, nel corso del 21° secolo, tali statistiche all’inizio dell’esercizio. Premiato con un primo primato individuale e un titolo di giocatore del mese per agosto in Olanda, il giocatore allenato a La Masia si è già affermato come una parte essenziale del collettivo di Ruud Van Nistelrooy, nonostante la sconfitta subita, questo fine settimana, sul prato del Twente (1-2). Abbastanza per confermare le sue parole quando è arrivato al PSV.

“Lionel Messi, Neymar, Kylian Mbappé? Mi sono allenato con loro tutti i giorni per due anni, ho imparato molto da loro, ma alla fine anche le partite sono importanti. Ho appena compiuto 19 anni, quindi penso che ora dovrei fare questo passo per progredire.assicura, in tal senso, Simons, recentemente acclamato per il suo allenatore nonostante l’eliminazione subita contro i Glasgow Rangers in C1. “Ho visto sequenze meravigliose. Tutti si aspettano che faccia la differenza con la palla. Può farlo con la sua tecnica e ha le qualità per scegliere l’area giusta. Ma abbiamo anche visto che è molto veloce nei duelli. […] Quando Xavi perde palla, cambia molto velocemente. Ha qualità fantastiche. Sa cosa vuole. Ha già vissuto due volte all’estero e ha conservato con sé questa esperienza. Per la sua età è già sopra”ha detto van Nistelrooy a Voetbal International.

Grande artefice dell’ottimo inizio di stagione del PSV, Xavi Simons potrà ora dimostrare tutto il suo potenziale sulla scena europea. Posizionati al fianco di Arsenal, FC Zürich e Bodo Glimt nel girone A di Europa League, i Rood-witten si preparano, infatti, a incrociare le spade con i norvegesi in vista della prima giornata di questa fase a gironi. L’occasione per il nazionale olandese U19 di segnare un po’ di più gli animi e di rafforzare la sua posizione di partenza nonostante la forte concorrenza incarnata da Guus Til, Cody Gakpo, Noni Madueke (attualmente infortunato), Ismael Saibari o anche Johan Bakayoko.

Leave a Comment