Rugby

Super League – Quarti di finale dei Catalans Dragons: sono dietro le quinte delle animazioni

Super League - Quarti di finale dei Catalans Dragons: sono dietro le quinte delle animazioni


Olivier Gondrand e Julien Feger si stanno impegnando corpo e anima per accendere lo stadio Gilbert-Brutus questo venerdì 9 settembre (21:00) in occasione dei quarti di finale che attende la loro squadra dei Catalans Dragons contro quella del Leeds.

Sul P-2 di questa prima giornata di play-off, contrapponendo la loro squadra del cuore dei Catalans Dragons a quella dei Rhinos del Leeds, sono più che mai devoti alla causa treiziste. Al punto, questo venerdì, giorno dei quarti di finale, per posare una giornata di RTT. Sperando che il gioco valga la candela… Olivier Gondrand, co-presidente dell’Associazione regionale dei draghi catalani (ARDC), il suo compagno Julien Feger, e le loro intere famiglie, si nascondono dietro la maggior parte delle attività che trascenderanno il Gilbert- Stadio Brutus questo fine settimana.

Tra un match di OM e dei Catalans Dragons, scelgo quello dei Dragons

È stato nel profondo della sua vita da studente che Olivier Gondrand ha esplorato il rugby league. Originario di Senas (Bouches-du-Rhône), è sbarcato a Egletons (Corrèze) nel 1990 per seguire un corso presso la Scuola di Applicazione dei Lavori Pubblici (EATP). Lì incontra Lionel Laffont, il suo “corrispondente” come dice lui, che lo rimpatria ogni fine settimana a casa sua nella roccaforte treizista di Villefranche-de-Rouergue (Aveyron). Questa è LA rivelazione. Stabilitosi due anni dopo nei Pirenei Orientali a Corbère, il sindaco Joseph Silvestre lo mise sulla staffa nel mondo del XIII catalano, formato allora da Guy Laforgue, come volontario. È responsabile del tabellone segnapunti dello stadio Jean-Laffon di Perpignan. Quando è stata creata l’Union Treiziste Catalane (UTC), Olivier Gondrand è diventato un leader volontario e responsabile di negozio con Olivier Silvestre, figlio di. Fu con lui che fondò la Penya des Dragons de la Têt quando i Catalans Dragons presero vita sotto l’egida del presidente Bernard Guasch. Dal 2006 al 2013, dopo un riavvicinamento con l’Amicale d’Ille-sur-Têt e il sostegno di due personalità della sfera treizista locale, Bernard Llong e Claude Rigole, sono nati i Dragons de la Têt. Hanno 250 abbonati al loro attivo e una sede a Corbère dove le partite della Super League vengono trasmesse ogni venerdì sera su Sky Sports.

Leggi anche:
Dragons Catalans: la squadra prende forma per i quarti di finale di Super League

Dopo una pausa, Olivier Gondrand torna in attività lo scorso anno durante la semifinale contro l’Hull KR (28-10) per, con un gruppo di lavoro e animazione, aiutare i penyes sul posto a rallegrare e febbrile lo stadio Gilbert-Brutus. Si dice che il capitano Benjamin Garcia fosse scivolato come una confidenza che i suoi giocatori lo chiedevano… Nella vita di Olivier Gondrand, c’è Mylène la sua compagna, ma anche tu l’avrai capito, “Non passa giorno senza parlare dei Draghi.” Per questo ex abbonato alla curva sud dello stadio Vélodrome di Marsiglia, ai tempi di Bernard Tapie, “Tra una partita dell’Olympique de Marseille e dei Catalans Dragons, scelgo quella dei Dragons”. Stessa storia per Julien Feger “innamorato” quasi cinque anni fa con la moglie Aurore e le loro figlie Lilou (11 anni) e Mila (5 anni), “chi conosce i numeri ei nomi di tutta la rosa”, per il club catalano, i suoi valori identitari e l’accessibilità del mondo che ruota attorno ai Catalans Dragons. Tutti insieme vogliono far sentire Sam Tomkins e la sua gente “Quanto è speciale questo gioco adrenalinico di mannaia. L’anno scorso, nelle semifinali in casa, la nostra foto della guardia d’onore è stata nominata foto dell’anno da Sky Sports. Si tratta della nostra squadra e del Perpignan. Un evento del genere trascende i giocatori ed è una ricompensa per tutti coloro che contribuiscono alla formazione nel rugby league locale. Non pensiamo alla sconfitta. Un quarto di finale in casa si vince. Sogniamo di andare a spiegarsi con il Wigan o il Saint-Helens. E puntando più in alto , per andare in finale all’Old Trafford. Perché poi, dall’autunno a febbraio, senza i Dragons, è tanto tempo. Ma tutto torna. Sicuramente questa è la passione”.

Leggi anche:
Quarti di finale di Super League: 5.000 biglietti venduti, i Catalans Dragons mobilitano i loro giocatori

Tifo, guardia d’onore, applaudendo…

Data la tempistica e il programma di venerdì, non sorprende che Olivier Gondrand, dirigente di SAUR, e Julien Feger, consulente immobiliare, si prendano la loro giornata per organizzare l’intrattenimento al Gilbert-Brutus. Dalle 9 del mattino, con altri penyes, hanno allestito un tifo nella tribuna Guasch, disegnato e disegnato a tre colori al computer con la pianta dello stadio da Aurore, la moglie di Julien. Dalle 18 la guardia d’onore a bordo vasca prende forma prima del previsto arrivo dei giocatori un’ora dopo. Sono necessari fumogeni, bandiere e sirene da nebbia. Durante la partita, il supporto viene fornito attraverso un megafono, batteria, ma anche battimani. La giornalista di Sky Sports Jenna Brooks sarà trattata con un segno di benvenuto come sfogo d’amore. E ci si aspetta una brillante sorpresa allo stand Puig-Aubert…

Leave a Comment