golf

Perché la Ryder Cup è un argomento caldo questa settimana a Wentworth

Perché la Ryder Cup è un argomento caldo questa settimana a Wentworth


Jon Rahm, Shane Lowry e Rory McIlroy erano tutti pronti a condividere i loro pensieri sul roster della Ryder Cup per il Team Europe in mezzo all’interruzione del golf LIV.

Getty Images

Manca più di un anno ai colpi sparati a Roma il prossimo autunno, ma non lo sapresti seguendo le parole e le azioni dei giocatori questa settimana al BMW PGA Championship di Londra. La Ryder Cup è nella mente di tutti.

Come mai?

Hai indovinato: LIV Golf. La forza dirompente che ha spinto un cuneo nel mondo del golf professionistico maschile è tornata dall’altra parte dello stagno verso Wentworth e il sito dell’evento di punta del DP World Tour. Ogni anno i migliori giocatori di golf europei (e anche alcuni dei migliori americani) scendono in Inghilterra per un altro torneo premier. Quest’anno non tutti sono i benvenuti.

Ma nel mezzo della discussione su chi dovrebbe e chi non dovrebbe essere, c’è una realtà ribollente che il roster della squadra della Ryder Cup 2023 inizia questa settimana. Questo è il primo evento che rilascerà punti qualificanti per quella squadra della Ryder Cup europea, la stessa squadra che ha dovuto sostituire il suo capitano meno di due mesi fa quando è partito per la LIV.

Il nuovo capitano, Luke Donald, è stato interrogato questa settimana dai golfisti LIV che hanno dichiarato il loro interesse a partecipare tra 12 mesi. Ma è ancora troppo presto per lui per decidere qualcosa, soprattutto considerando che alcuni di quei giocatori sono in una causa contro il DP World Tour, per essere ascoltati per la prima volta in tribunale a febbraio.

La discussione sulla Ryder Cup può aspettare fino ad allora? No certo che no.

A Rory McIlroy e Shane Lowry è stato chiesto se i golfisti LIV potessero giocare nella Ryder Cup, ed entrambi sembrano concordare su alcuni punti, principalmente sul fatto che i giocatori LIV probabilmente non sono abbastanza bravi a questo punto. Entrambi i giocatori sono stati intervistati da Jamie Weir di Sky Sport Mercoledì e hanno condiviso i loro pensieri sul rostering della Ryder Cup e su quanto i golfisti LIV meritano di adattarsi al prossimo sistema europeo.

Lowry: “Con tutto il rispetto, molti di quei ragazzi della LIV, penso che conoscano se stessi. Ed è per questo che sono andati a LIV. I loro giorni di Ryder Cup sono probabilmente finiti.

McIlroy: “I loro giorni migliori sono alle spalle e penso che lo concederebbero anche loro. Dobbiamo pensare al futuro della squadra europea. Abbiamo tipo un gruppo di sette giocatori – un core seven, credo – e dobbiamo riempire quei cinque extra con giocatori giovani e ambiziosi. Dobbiamo far sanguinare un po’ di gente nuova a Roma”.

I sette core a cui McIlroy si riferisce sono molto probabilmente lui stesso, Lowry, Jon Rahm, Matt Fitzpatrick, Viktor Hovland, Tyrrell Hatton e Tommy Fleetwood. Il che significa solo che l’opinione di Lowry sopra conta, e l’opinione di McIlroy conta altrettanto e probabilmente di più.

Ma che dire dell’opinione di Rahm?

Lo spagnolo è stato l’europeo più prezioso nella rosa dello scorso autunno, poi classificato n. 1 al mondo. Ha collaborato con Sergio Garcia per quello che ama definire uno dei suoi migliori ricordi di golf. Ma Garcia sarà accolto nella squadra del prossimo anno? Rahm ha già detto che gli piacerebbe vedere di nuovo Garcia giocare la Ryder Cup. E questa settimana ha approfondito ancora una volta quel dibattito complicato e ricco di sfumature.

Coppa Sergio Garcia Ryder

I golfisti LIV potrebbero qualificarsi per il Team Europe nella Ryder Cup? Abbiamo scoperto di più oggi

Di:

Sean Zak



“Ho detto molte volte quanto sia importante per me la Ryder Cup”, ha detto Rahm martedì. “Ne ho parlato con mio padre l’altro giorno, e se non fosse stato per la Ryder Cup, probabilmente non sarei qui perché questo è il motivo per cui ha iniziato a giocare a golf; ecco perché ho iniziato a giocare a golf.

“Quindi credo che la Ryder Cup sia soprattutto nella mia mente. È il più grande strumento di marketing che il golf ha. Uno dei più grandi eventi sportivi, punto, giusto? Quindi non mi dispiacerebbe. Io e Sergio abbiamo avuto una grande, grande esperienza in quest’ultima Ryder Cup, e mi piacerebbe ripeterla soprattutto, non importa dove giochi. Ma posso capire perché sarebbe difficile.

“Se dipendesse da me mi piacerebbe trovare una soluzione per far giocare alcuni di loro perché, come ho detto prima, quante Ryder Cup ha giocato Sergio? Dieci? Maggior numero di punti mai guadagnati nella Ryder Cup. Anche Westy ha fatto parte di molti di loro e di molti altri. Non so se sarà possibile o meno, ma penso che se c’è un modo, mi piacerebbe vederlo”.

La migliore possibilità che Garcia avrà di fare squadra sarebbe 1. Gioca molto bene nelle major (tre delle quali non è qualificato) e negli eventi del DP World Tour a cui è consentito. E 2. Guadagna una scelta da capitano.

Ecco perché, secondo quanto riferito, Garcia era a disposizione per fare una domanda sulla Ryder Cup a Keith Pelley durante l’unico incontro dei giocatori martedì sera. Il percorso per l’inclusione di Garcia non è esattamente semplice, soprattutto quando i tribunali del Regno Unito vengono ulteriormente coinvolti in un paio di mesi. Fino ad allora, molti dubbi sono nell’aria. Quanto basta perché tutti ne parlino, parlino, ne parlino.

Leave a Comment