headlines

Condannate a morte due lesbiche e attiviste LGBTQ

Condannate a morte due lesbiche e attiviste LGBTQ


Due attivisti lesbiche e LGBTQ accusati di promuovere l’omosessualità sono stati condannati a morte in Iran, hanno riferito gli attivisti lunedì, mentre esortavano la comunità internazionale a impedirne l’esecuzione. Zahra Sedighi Hamedani, 31 anni, ed Elham Chubdar, 24, sono stati condannati da un tribunale della città di Urmia, secondo l’organizzazione curda per i diritti umani “Hengaw”. Secondo l’Ong, le due giovani donne sarebbero state anche accusate di promuovere la religione cristiana e di aver comunicato con un media contrario al regime iraniano.

Le due attiviste sono attualmente detenute nella sezione femminile del carcere di Urmia. È stata arrestata anche un’altra donna, Soheila Ashrafi, 52 anni, di Urmia, presa di mira dalle stesse accuse. Sta aspettando il suo verdetto.

Una prima in Iran

In una dichiarazione pubblicata lunedì sul suo sito Mizan Online, l’Autorità giudiziaria ha confermato la condanna a morte di Zahra Sedighi Hamedani ed Elham Chubdar, per “corruzione sulla terra”. Questa è l’accusa più grave del codice penale iraniano. “Ora sollecitiamo la Germania e altri governi stranieri a fare pressione” sull’Iran per ottenere il rilascio degli attivisti, ha affermato Shadi Amin, coordinatore dell’organizzazione iraniana per i diritti LGBTQ 6Rang.”. “Questa è la prima volta che una donna è stata condannata a morte in Iran a causa del suo orientamento sessuale”, ha detto.

Anche il destino di un importante attivista pro-LGBTQ iraniano, Sedighi Hamedani – noto come Sareh – è motivo di grande preoccupazione da diversi mesi. È stata arrestata nell’ottobre 2021 dalle forze di sicurezza iraniane mentre tentava di fuggire nella vicina Turchia. Sedighi Hamedani è stato poi rinchiuso in isolamento per quasi due mesi.

Sedighi Hamedani sarebbe stato torturato

Secondo l’ONG Hengaw, non le è stato permesso di vedere un avvocato durante la sua detenzione in Iran, gli agenti hanno minacciato di giustiziarla, insultato il suo aspetto fisico e l’hanno avvertita che avrebbe potuto perdere la custodia dei suoi due figli. A gennaio, Amnesty International ha riferito che le accuse contro l’attivista riguardavano la sua difesa dei social media per le persone LGBTQ e la sua apparizione in un documentario della BBC andato in onda nel maggio 2021 sulla persecuzione delle persone LGBTQ in Kurdistan iracheno, dove si trovava.

Prima di lasciare il Kurdistan iracheno, dove era stata detenuta, Sedighi Hamedani aveva inviato dei video all’ONG 6Rang, da rendere pubblici se non fosse riuscita a trovare rifugio. “Noi, la comunità LGBTQ, stiamo soffrendo. Che porti alla morte o alla libertà, rimarremo fedeli a noi stessi”, dice in uno di questi video. “Spero di trovare la libertà”, aggiunge, sostenendo anche di essere stata torturata, in particolare mediante folgorazione, mentre era detenuta nel Kurdistan iracheno.

I difensori dei diritti umani accusano l’Iran di condurre attualmente un’ondata di repressione che colpisce tutti i settori della società. Questi attivisti denunciano in particolare gli arresti contro la minoranza religiosa baha’i, l’aumento del numero delle esecuzioni nel Paese e l’arresto di cittadini stranieri.

Leave a Comment