headlines

Questo Nobel italiano suggerisce di adattare la cottura della pasta per risparmiare energia (e non passa)

Questo Nobel italiano suggerisce di adattare la cottura della pasta per risparmiare energia (e non passa)


Getty Images Giorgio Parisi si offrì di spegnere il fuoco non appena l’acqua avesse cominciato a bollire.

Getty Images

Giorgio Parisi si offrì di spegnere il fuoco non appena l’acqua avesse cominciato a bollire.

FOOD- Premio Nobel per la Fisica 2021, ma non cucina. Sacrilegio, Giorgio Parisi ha osato offrire un’alternativa alla cottura della pasta! Il suo trucco, riportato in un post di Facebook il 1 settembre, è abbassare o addirittura spegnere il piano cottura una volta che l’acqua ha iniziato a bollire. L’obiettivo è nobile: realizzare risparmi nel contesto dell’attuale crisi energetica. Ma nella terra della pasta è difficile passare.

“Quando la pasta bolle, metto il gas al minimo, al minimo, in modo che non consumi troppo gas. Potete anche provare a disabilitarlo, come suggerisce questo post, che non è mio ma di Alessandro Busiri Vici che condivido”, consigliare Giorgio Parisi. Lo scienziato dell’Università La Sapienza di Roma ha addirittura calcolato che salva “almeno otto minuti di consumo energetico”.

Fai attenzione al coperchio, è fondamentale per preservare questa energia. “L’importante è tenere sempre il COPERCHIO acceso, il calore si disperde molto per evaporazione”Aggiunge.

Molti amanti della pasta hanno espresso il loro scetticismo sui social. “Si può veramente dire che Parisi è un fisico teorico…”, prende in giro un utente su Twitter, per il quale la tecnica di cottura ovviamente non ha funzionato. Un altro dubbio, anche, sull’affidabilità della tecnica. “Non è più facile fare la pace con la Russia e rilanciare le economie dell’UE? », scherza. “Dai, se c’è da fare un sacrificio, mangiamo direttamente la pasta cruda…”, infastidisce ancora un giornalista.

Alcuni conoscevano già il metodo, ma sono felici di vedere che viene trasmesso da un fisico, come questo giovane italiano che ha finalmente trovato supporto: “Cuocere la pasta a fuoco basso, in modo da consumare (ancora) poco gas! Fortunatamente lo dice adesso Giorgio Parisi. Mia madre mi crederà adesso. »

Il chimico Dario Bressanini afferma che il sistema funziona. “ Non è una novità”ha detto alla principale agenzia di stampa italiana, l’Ansa. “Sappiamo da 200 anni che non è l’acqua bollente, vedendola gorgogliare, che cuoce, ma la temperatura dell’acqua, che trasmette calore alla pasta, al riso o a un uovo. »

Se gli italiani sono indignati, il dibattito su come cuocere la pasta senza sprecare energie non è nuovo. Alcuni mesi fa, l’associazione Unione Italiana Food, che rappresenta i produttori di pasta, sosteneva che tenere il coperchio della padella durante la fase di ebollizione velocizza il processo di cottura e fa risparmiare “fino al 6% di energia e emissioni di CO2”. Per risparmiare energia, i francesi sono pronti anche a cambiare la cottura della loro pasta?

Vedi anche su The Huffpost: Croste di pizza, buccia di kiwi… Questo chef cucina il cibo che butti via

Leave a Comment