sports

La 23a campagna NFL di Tom Brady potrebbe essere la sua più misteriosa dopo una bizzarra offseason

La 23a campagna NFL di Tom Brady potrebbe essere la sua più misteriosa dopo una bizzarra offseason


La vita professionale di Tom Brady, almeno ufficialmente, dovrebbe andare avanti come ci siamo abituati: domenica si vestirà per la sua 23a stagione NFL quando i suoi Tampa Bay Bucs visiteranno i Dallas Cowboys.

La vita personale di Tom Brady, almeno ufficialmente, è per lo più un mistero. Ci sono stati alcuni sviluppi tangibili in questa bassa stagione, tra cui il ritiro e la pensione, il salto del lavoro primaverile, il ruolo da protagonista in uno scandalo di manomissioni di Miami e l’assenza (scusa) del campo di addestramento di 11 giorni … per non parlare dei rapporti di conflitti coniugali e composti costaricani .

Ma chi lo sa davvero?

Come osserva Brady, “Ho 45 anni, amico. Ce ne sono molti [expletive] sta succedendo, quindi devi solo cercare di capire la vita nel miglior modo possibile.

Beh si. Sì lo è e sì, certamente c’è.

L’impatto di uno sull’altro, tuttavia, è ciò che nessuno sa prima di arrivare forse all’ultima stagione di uno dei grandi di tutti i tempi del calcio.

Alcuni uomini affrontano una “crisi” di mezza età acquistando una Porsche. Brady è invece diventato il più grande mistero della NFL.

È stata una strana offseason per il quarterback dei Tampa Bay Bucs Tom Brady. Sarà pronto per partire quando la stagione si aprirà domenica contro Dallas? (Foto AP/Zach Bolinger)

Considera che durante il fine settimana, all’allenatore dei Bucs Todd Bowles è stato persino chiesto se pensava che Brady fosse “all-in” sulla stagione, il che fa notizia se non altro perché è del tutto ragionevole chiedersi anche con un giocatore che è stato accusato di essere anche “all-in” sul calcio, mai abbastanza “all-in”.

“È stato all-in da quando l’abbiamo preso”, ha detto Bowles. “Ora è all-in.”

Dopotutto, questo è l’uomo che ha portato il gelato all’avocado alla coscienza nazionale.

“Man mano che invecchi, la vita cambia un po'”, ha detto Brady lunedì nel suo podcast “Let’s Go”, affrontando la situazione. “Ci sono diverse responsabilità che prendono forma nella tua vita. Ci sono diverse prospettive che ottieni.

“Quando avevo 25 anni, tutto quello che ho fatto è stato pensare al calcio”, ha continuato. “Quella era la mia vita. Era mangiare, dormire, bere calcio… nel tempo si sono sviluppate altre priorità [and] … dedichi tempo ed energia a quelle cose.

La scorsa stagione, Brady ha guidato la NFL in yard di passaggio (5.316) e touchdown (43), è stato classificato come il giocatore n. 1 della lega dai suoi colleghi, secondo NFL Network, e ha battuto l’eventuale campione del Super Bowl Los Angeles Rams se non per un ultimo minuto, drive di touchdown guidato da Matthew Stafford.

Non c’è motivo di pensare che cambierà molto in questa stagione. Solo che tutto sembra cambiare in questa stagione, inclusa la volontà di Brady di parlare delle sfide del suo equilibrio tra lavoro e vita che potrebbero o meno portare alle storie del New York Post sul suo matrimonio.

“C’è una grande telecamera che è sempre su di te”, ha detto Brady nel podcast. “Stai vivendo la tua vita e anche la tua vita sportiva. Stanno coprendo lo sport, ma stanno coprendo anche la tua vita. E non puoi fermare la tua vita anche se lo sport è in corso…

“Quindi, anche se sto giocando al mio 23esimo anno, ho una matricola al liceo che gioca anche a calcio”, ha detto Brady. “Ho un dodicenne che sta attraversando la sua vita. Ho una bambina di 9 anni che sta vivendo la sua vita. E ho dei genitori. Ho molte cose che sono davvero importanti fuori dal campo e obiettivi che stai cercando di massimizzare.

“Quindi, abbiamo tutti cose diverse che stanno succedendo e penso che una volta arrivata la stagione calcistica, mi concentro davvero su ciò che devo fare e su come devo concentrarmi”.

Prendi tutto questo, incluso chi è menzionato e chi non è menzionato, per quel che vale. È tutto ragionevole. È anche un nuovo livello di introspezione da TB12.

E fa parte di una bassa stagione degna di nota.

Il ritiro/ritiro della offseason è stato bizzarro: “Mi sentivo come se mi fosse rimasto un po’. E voglio provarci”, ha detto Brady della decisione. Non è che un giocatore fosse indeciso, è quello Tom Brady era indeciso. L’uomo è un pianificatore metodico, non un decisore emotivo.

Poi c’è stato lo scandalo delle manomissioni di Miami, dove è stato rivelato che durante l’ultima stagione di Brady nel New England era in contatto con i Dolphins per entrare a far parte della squadra.

La NFL ha scoperto che Brady si è impegnato in “numerose e dettagliate conversazioni” con il dirigente di Miami Bruce Beal come parte delle “comunicazioni inammissibili” dei Dolphins. Ciò includeva una visita segnalata allo yacht del proprietario della squadra Stephen Ross che mise a disagio l’allora allenatore dei Dolphins Brian Flores, secondo i documenti del tribunale.

Brady non ha affrontato alcuna disciplina nel caso ma, ancora una volta, stava davvero chiacchierando con un rivale di divisione mentre era ancora a Foxborough?

Poi c’è l’ascesa di Bowles a capo allenatore dei Bucs. C’erano abbastanza speculazioni sul fatto che Brady fosse in qualche modo coinvolto nel ritiro di Bruce Ariani che lo stesso Brady ha affrontato se ci fosse qualcosa di vero nel deterioramento della loro relazione.

“Zero qualunque”, ha detto Brady. “[Bruce] e ho un ottimo rapporto”.

Nel frattempo, ha già accettato il suo prossimo lavoro, un contratto decennale da 375 milioni di dollari con Fox Sports che inizia non all’inizio della stagione 2023, ma quando smette di giocare.

Infine ci sono tutte le cose personali, che non possono essere divertenti a prescindere dal livello di verità.

Forse tutto il fumo è solo fumo. O forse no. Il salto di 11 giorni di training camp, sebbene respinto come un grosso problema sia dalla squadra che dal quarterback, è andato contro tutto ciò di cui Brady è mai stato.

La preparazione è il suo mestiere. Il tempo con i suoi compagni di squadra è la sua passione. O lo era.

Quindi eccoci qui, all’inizio della stagione 23 con così tante discussioni sul livello di impegno del giocatore forse più impegnato di sempre.

È almeno la più selvaggia offseason di Brady dal 2016, quando ha combattuto contro la NFL in un tribunale federale per lo scandalo Deflategate solo per finire per scontare una squalifica di quattro partite per iniziare la stagione.

Nessuno era sicuro di cosa aspettarsi nemmeno allora. C’era anche un sacco di chiacchiere su focus e priorità.

Brady è andato 14-1 da titolare e ha vinto il Super Bowl.

Leave a Comment