headlines

L’esercito riconosce la “forte possibilità” di uccidere il giornalista Shireen Abu Akleh

L'esercito riconosce la "forte possibilità" di uccidere il giornalista Shireen Abu Akleh


Per la prima volta, lunedì l’esercito israeliano ha riconosciuto “una forte possibilità” di aver ucciso, ma non deliberatamente, la giornalista del canale panarabo Al Jazeera Shireen Abu Akleh, una timida ammissione denunciata dalla famiglia e dai sostenitori di il giornalista.

Protagonista di Al Jazeera, il giornalista americano-palestinese è stato ucciso a colpi di arma da fuoco l’11 maggio mentre seguiva un’operazione militare israeliana nel campo palestinese di Jenin, roccaforte delle fazioni armate palestinesi nel nord della Cisgiordania occupata, dove un’unità speciale stava provando per arrestare i “sospetti”, che avevano portato a scontri armati.

Dopo la morte di Shireen Abu Akleh, munita di un giubbotto antiproiettile con la scritta “stampa” e di un elmetto, l’Autorità Palestinese e il suo datore di lavoro Al Jazeera hanno subito accusato l’esercito israeliano di averla uccisa. Israele ha costantemente respinto questa accusa, nonostante le indagini giornalistiche e un rapporto delle Nazioni Unite concludesse che era stato sparato un colpo israeliano, il che tuttavia escludeva che fosse intenzionale.

“toccato accidentalmente”

Tuttavia, lunedì, l’esercito israeliano ha pubblicato le “conclusioni finali” della sua indagine e ha ammesso che uno dei suoi soldati aveva effettivamente sparato in direzione della giornalista, sbagliando la sua identità: “C’è una forte possibilità che la signora Abu Akleh sia stata accidentalmente colpito dal fuoco dell’esercito israeliano mirato a sospetti identificati come sicari palestinesi. »

L’esercito ha affermato di aver studiato la sequenza degli eventi “cronologicamente”, di aver analizzato la scena, i video e i suoni registrati sul posto, di aver condotto una “simulazione della scena” e che a luglio “esperti israeliani” hanno condotto un’analisi balistica della palla 2, alla presenza di rappresentanti del “Comitato di coordinamento per la sicurezza degli Stati Uniti per Israele e l’Autorità palestinese”.

Per le “cattive condizioni del proiettile”, individuarne l’origine è stato “difficile”, sottolinea l’esercito nel suo rapporto, affermando di non avere una certezza “inequivocabile” sull’origine del colpo mortale al giornalista.

Errore di destinazione?

Come l’esercito israeliano, gli Stati Uniti avevano concluso che Shireen Abu Akleh era stata “probabilmente” uccisa dal fuoco da una posizione israeliana, senza avere motivo di credere che la sua morte fosse intenzionale.

“Il soldato non stava cercando di prendere di mira un giornalista di Al Jazeera o un giornalista in generale. (…) Il soldato ha identificato erroneamente il suo obiettivo e se ne rammarica”, ha detto lunedì un alto funzionario militare israeliano durante un briefing con la stampa. “Non sarebbe dovuto succedere, non l’ha fatto deliberatamente”, ha aggiunto.

Questo funzionario ha indicato che il soldato, appostato a circa 200 metri dietro il giornalista, non aveva visto la sua scritta “stampa” sulla parte anteriore del suo giubbotto antiproiettile. Ha detto che il giornalista era stato colpito alla nuca

nessun addebito

La procura militare israeliana ha annunciato lunedì da parte sua che “non vi era alcun sospetto di un atto criminale che giustificasse l’apertura di un’indagine penale da parte della polizia militare” e questo, sebbene vi sia “un’alta probabilità” che Shireen Abu Akleh fosse ucciso dai soldati israeliani.

“I fatti e le indagini dimostrano che il colpevole è Israele, che è Israele che ha ucciso Shireen, ed è Israele che deve assumersi la responsabilità del suo crimine”, ha reagito Nabil Abou Roudeina, portavoce del presidente palestinese Mahmoud Abbas che aveva ha anche organizzato un funerale nazionale a Ramallah in onore del giornalista.

Il canale Al Jazeera ha denunciato le conclusioni dell’indagine, affermando che “questa confessione verbale non è altro che un tentativo delle forze di occupazione israeliane di sottrarsi alla loro responsabilità penale”. “Al Jazeera condanna la riluttanza delle forze di occupazione israeliane ad ammettere esplicitamente il loro crimine e i loro tentativi di eludere il processo contro i colpevoli”, ha aggiunto il canale in una nota.

La famiglia Abu Akleh, che ha incontrato il segretario di Stato americano Antony Blinken a Washington a luglio, ha accusato le autorità israeliane in una dichiarazione lunedì di “evitare la responsabilità dell’omicidio” del giornalista. “Rimaniamo profondamente feriti, frustrati e delusi”, ha detto la famiglia, chiedendo agli Stati Uniti di condurre un’indagine “credibile”.

“L’ammissione di colpevolezza da parte delle forze armate israeliane arriva troppo tardi ed è incompleta”, ha affermato lo sceriffo Mansour, capo del Medio Oriente presso il Comitato per la protezione dei giornalisti (CPJ) a New York. La ONG israeliana anti-colonizzazione B’Tselem ha definito le conclusioni dell’esercito israeliano una “falsa confessione”. “Non è un’indagine, è un insabbiamento. Non è un errore, è una politica”, ha lamentato la ONG.

Leave a Comment