headlines

Il vescovo episcopale attribuisce il merito all’educazione di ET per il lavoro sulle questioni ambientali

Il vescovo episcopale attribuisce il merito all'educazione di ET per il lavoro sulle questioni ambientali


Vescovo della California Marco Androun leader nazionale della Chiesa episcopale nella lotta ai cambiamenti climatici, afferma che crescere nella contea di Roane, fare escursioni negli Smokies e frequentare l’Università del Tennessee lo ha messo sulla strada della sua carriera per prendersi cura degli aspetti spirituali e materiali del nostro pianeta.

Il suo lavoro di advocacy lo ha portato in aree pubbliche a Parigi e in altri paesi e alle dimostrazioni del Dakota Access Pipeline a Standing Rock, nel North Dakota.

Il vescovo episcopale della California Marc Andrus e sua moglie Sheila facevano parte di un gruppo di leader interreligiosi di tutto il mondo che lavoravano per conto degli obiettivi sui cambiamenti climatici alla conferenza delle parti della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, o COP21, a Parigi nel 2015. Andrus è nell’ultima fila, il secondo da destra, in piedi dietro sua moglie, che tiene in mano un tamburo.

In una recente conferenza di Lambeth delle comunità anglicane in Inghilterra, ha contribuito a lanciare una foresta di comunione sul terreno del London Palace, la sede ufficiale dell’arcivescovo di Canterbury. L’iniziativa è stata pianificata da un piccolo team dell’Anglican Communion Environmental Network e dell’Anglican Alliance, di cui era membro.

Il semplice atto di piantare alberi fino a quando non diventano boschetti contribuisce a togliere i gas serra dall’atmosfera, ha detto Andrus.

Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici

A novembre a Sharp El-Sheikh, in Egitto, guiderà la delegazione della Chiesa episcopale in rappresentanza del Vescovo Presiedente Michele Curry alla conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici del 2022. È ufficialmente chiamata la 27a sessione della Conferenza delle Parti della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, o COP27.

“La COP27 ci dà l’opportunità di lavorare in collaborazione con i rappresentanti interreligiosi di tutto il mondo, imparando gli uni dagli altri e amplificando le voci di fede sul cambiamento climatico e sul degrado ambientale”, ha affermato in una dichiarazione rilasciata dai servizi di notizie episcopali.

Ha detto in un’intervista più tardi con questo editorialista che tutti considerano sacra la terra. “Ci vorranno molte azioni – milioni – per guarire il pianeta. Sembra che gli episcopali dovrebbero essere (alle convenzioni sui cambiamenti climatici) insieme a scienziati e politici”.

Il Rt. Il Rev. Marc Handley Andrus della diocesi episcopale della California ha parlato delle sue opinioni sui cambiamenti climatici e della sua vita nel Tennessee orientale in un’intervista condotta da Zoom il 25 agosto a San Francisco e in alcuni scambi di e-mail. “Crescere nell’East Tennessee ha offerto così tanta bellezza”, ha detto.

Il vescovo 61enne è nato a Oak Ridge ed è cresciuto a Kingston. Suo padre, Francis “Andy” Andrus, lavorava per la Union Carbide nel settore degli affari e sua madre, Frances, era un’insegnante di scuola. Una sorella, Barbara Foster, vive a Farragut.

Il vescovo della California Marc Andrus, a sinistra con gli occhiali, osserva un ombrello sollevato come parte di un servizio di culto

Il vescovo della California Marc Andrus, a sinistra con gli occhiali, osserva un ombrello sollevato come parte di un servizio di culto “pop-up” in un luogo pubblico durante la conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici del 2022 a Parigi. Andrus era un leader episcopale che lavorava per conto di un accordo per ridurre le emissioni di carbonio.

Nuoto in uno scarico tossico di mercurio

I suoi ricordi della zona includono il nuoto nel fiume Clinch, dove oggi è noto che furono scaricate tonnellate di mercurio, un materiale tossico pesante. Suo padre è morto di cancro quando aveva 14 anni e Andrus dice che era dovuto a problemi associati all’esposizione alle radiazioni.

Ascolta altre voci del Tennessee: Ricevi la newsletter settimanale di opinione per articoli perspicaci e stimolanti.

“Guardando quella bellissima acqua, stavamo nuotando in quel fiume con tutto quel mercurio”, ha detto.

E quel tipo di situazione si verifica in tutto il mondo, con decisioni su questioni ambientali che influenzano i risultati che riguardano razza, povertà, economia e nazioni, ha affermato.

Quando il 22 luglio il vescovo della California Marc Andrus ha annunciato un piano per andare in pensione nel 2024, ha ringraziato sua moglie, Sheila, per il suo sostegno durante i suoi anni.  La coppia, che ha legami con l'East Tennessee, ha lavorato insieme su questioni ambientali.

Quando il 22 luglio il vescovo della California Marc Andrus ha annunciato un piano per andare in pensione nel 2024, ha ringraziato sua moglie, Sheila, per il suo sostegno durante i suoi anni. La coppia, che ha legami con l’East Tennessee, ha lavorato insieme su questioni ambientali.

Andrus è andato a UT per studiare scienze del suolo e nutrizione delle piante in agricoltura e ha frequentato studi religiosi. “Erano entrambi grandi reparti”, ha detto. Lì ha anche incontrato sua moglie. Lei è la dott. Sheila Moore Andrus, originaria di Maryville, che ha avuto una carriera come scienziata ambientale, anche con il Servizio forestale degli Stati Uniti, dove ha diretto la ricerca dell’agenzia sugli insetti. I due compaiono spesso insieme in programmi sull’ambiente.

Dopo aver conseguito la laurea presso l’UT nel 1979, Marc Andrus ha conseguito un master in scienze sociali presso il Virginia Polytechnic Institute e la State University, Blacksburg, Virginia, e un master in divinità presso il Virginia Theological Seminary di Alessandria. È stato un pianificatore regionale oltre a servire diverse istituzioni episcopali come sacerdote o rettore. È stato vescovo suffraganeo per la diocesi episcopale in Alabama prima di andare a San Francisco come vescovo nel 2006. Ha annunciato che si ritirerà nel 2024 e alla fine si trasferirà a Staunton, in Virginia.

Ad Andrus piace parlare del suo ruolo di attivista nel suo lavoro per l’ecogiustizia.

Il vescovo episcopale della California Marc Andrus, con il cappello, si riunisce con altri vescovi alla recente conferenza di Lambeth a Londra per lanciare un'iniziativa Community Forest.  L'ex East Tennessean è una voce di primo piano nell'iniziativa sul cambiamento climatico della Chiesa episcopale.  A destra dell'albero c'è il vescovo centroamericano Julio Murray.

Il vescovo episcopale della California Marc Andrus, con il cappello, si riunisce con altri vescovi alla recente conferenza di Lambeth a Londra per lanciare un’iniziativa Community Forest. L’ex East Tennessean è una voce di primo piano nell’iniziativa sul cambiamento climatico della Chiesa episcopale. A destra dell’albero c’è il vescovo centroamericano Julio Murray.

A Parigi nel 2015, dove le nazioni si sono riunite alla COP21 al Parc des Expositions e hanno raggiunto un accordo per fissare obiettivi volontari per ridurre il riscaldamento globale, Andrus faceva parte di un gruppo interreligioso che sosteneva la politica.

Quello che ha descritto come un servizio di culto “pop-up”, completo di ombrelli, prevedeva “offerte musicali, tempo per la riflessione, la meditazione e la condivisione nella pubblica piazza: un bellissimo inizio per la Chiesa episcopale alla COP”.

L’ex presidente Donald Trump si è ritirato dall’accordo di Parigi nel 2020, ma il presidente Joe Biden è tornato su di esso.

Un sostegno simile per iniziative sui cambiamenti climatici si è tenuto alle conferenze delle Nazioni Unite sul clima in Marocco, Germania e Polonia negli anni successivi. A Katowice, in Polonia, molti residenti stanno abbandonando l’attività di estrazione del carbone e hanno bisogno di aiuto per trovare un nuovo lavoro, mentre i minatori più anziani hanno bisogno di pensioni, ha affermato.

Sostenere gli sforzi dei minatori ha mostrato come produrre energia pulita promuova anche nuove opportunità, ha affermato.

L’importanza di piantare semplicemente alberi

Il semplice atto di piantare alberi è davvero come piantare una nuova comunità, ha detto. Una volta che gli alberi sono stati piantati e rimangono lì, l’ambiente è più fresco. Nelle aree sviluppate, ciò consente meno auto e meno parcheggi, il che aiuta a ridurre le emissioni di carbonio.

LE ULTIME NOVITÀ A PORTATA DI MANO
Ricevi le ultime notizie locali, risultati sportivi e altro direttamente sul tuo telefono. Scarica l’app mobile gratuita Knox News.

“A Knoxville, quando ci sono più di 100 gradi, la maggior parte dei Knoxvilliani nelle aree a basso reddito è più calda di quelli nelle aree a reddito più alto. Il motivo sono tutti quegli alberi”, ha detto.

Alla recente conferenza di Lambeth, la foresta della comunione è stata lanciata nei giardini del palazzo che erano stati coltivati ​​o coltivati ​​​​per oltre 1.000 anni, ma l’erba ora era marrone e seccata a causa del caldo e della siccità, scrisse Andrus in un messaggio alla sua diocesi.

“Non solo l’iniziativa del Bosco della Comunione è stata ben accolta dai vescovi e dai coniugi, ma ho anche potuto testimoniare che ovunque in tutta la Comunione, vescovi e coniugi riconoscono l’emergenza climatica come una delle loro preoccupazioni centrali. Infine, credo che la Comunione anglicana e la Chiesa episcopale, mentre le azioni sul clima saranno molto diverse, credo che continueremo a sottolineare l’ecogiustizia, i modi in cui il degrado ambientale e il cambiamento climatico pesano in modo sproporzionato sulle popolazioni già vulnerabili”, ha affermato .

Georgiana Vines è editore associato di News Sentinel in pensione. Può essere contattata all’indirizzo [email protected]

Questo articolo è apparso originariamente su Knoxville News Sentinel: Vines: il vescovo episcopale attribuisce all’educazione l’interesse ambientale

Leave a Comment