golf

I giocatori del tour LPGA reagiscono all’eredità di Serena Williams | LPGA

I giocatori del tour LPGA reagiscono all'eredità di Serena Williams |  LPGA


Sicuramente c’è un torneo di golf a cui pensare: palline da colpire, putt da fare e strategia da tracciare mentre i giocatori sono entrati nel fine settimana del Dana Open presentato da Marathon. Ma c’era anche la storia da guardare questa settimana. Molti giocatori dell’LPGA Tour hanno fatto proprio questo, allontanandosi dall’Highland Meadows Golf Club venerdì in tempo per vedere un po’ di tennis in televisione.

In quella che è quasi sicuramente la sua ultima partita del Grande Slam, Serena Williams ha combattuto galantemente per tre set agli US Open di Flushing Meadows, New York, prima di cadere contro l’australiana Ajla Tomlijanovic. In seguito, un emotivo Williams, che ha 40 anni e 23 volte campione del mondo, ha ringraziato i fan dell’Arthur Ashe Stadium e ha salutato con emozione tutti coloro che avevano assistito a casa.

I biglietti per la partita di venerdì sera sono stati pagati fino a $ 45.000 per una visuale libera di livello superiore. La storia valeva ogni centesimo. Quando la partita è finita, a Long Island non c’era occhio secco.

I migliori dell’LPGA Tour hanno compreso l’impatto di ciò che stavano vedendo. Più della maggior parte, sanno cosa significa Serena per lo sport femminile nel suo insieme.

“Ho sentito dire da una delle emittenti che ha fatto bene a essere feroce come donna”, ha detto Amy Olson. “Pensavo fosse una parola così perfetta. Attraversa lo sport, gli affari: è qualcuno a cui guardare, secondo me.

“Stai guardando la storia. Ha trascorso così tanto tempo in campo, ma sapendo che era la sua ultima volta, ovviamente è davvero speciale da vedere. Mi piace guardarla giocare, non importa quale sia il risultato.

Anche Gaby Lopez ha preso molto da guardare Williams nel corso degli anni.

“Lei è una grande ispirazione”, ha detto Lopez. “Quella mentalità di non sentirsi a proprio agio con dieci Grandi Slam, andare per il prossimo e il prossimo, quella fame è ciò che continua a guidare i migliori atleti del mondo. Sto cercando di ottenere di più. A volte, quando ottieni un buon risultato, ti stai rilassando o stai cercando di proteggere qualcosa. Ma non c’è niente da proteggere. Devi solo andare, andare avanti, con il pedale dell’acceleratore abbassato. Penso che sia quello che (Serena ha) fatto.

“Obiettivi illimitati, questo è ciò che continua a guidare tutti noi. Serena ha avuto un impatto non solo sul lato femminile, ma vedi anche Tiger Woods e tutti questi (atleti) sul lato maschile, tutti vogliono essere come Serena.

“Per me è probabilmente come la più grande atleta della storia sul lato femminile, e probabilmente su quello maschile. È davvero difficile da confrontare, ma è quello che penso. Quella fame del prossimo, del prossimo titolo, del prossimo campionato, della prossima partita, del prossimo colpo; questo è ciò che ti fa andare avanti invece che indietro.

Mariah Stackhouse era d’accordo con la sua amica. “È stato piuttosto emozionante guardare l’intera partita”, ha detto Stackhouse. “Serena è stata una delle mie più grandi ispirazioni e ovviamente una delle più grandi tenniste che abbia mai toccato una racchetta.

“È triste vederla andare in pensione e vedere la fine della sua era in campo. Ha giocato davvero bene e vorresti quasi che avesse un’altra stagione dentro di lei. Ma è incredibile vedere qualcuno esibirsi per l’intera carriera e guardarlo andare in pensione. Mi sento speciale per essere stato vivo per testimoniare questo.

Azahara Munoz, tornata per la prima volta da quando è diventata una #LPGAMom, è imparentata con la Williams a un livello diverso. La figlia di Serena, Olympia, ha compiuto cinque anni giovedì, il giorno prima dell’ultima partita di sua madre.

“Amo il tennis”, ha detto Munoz. “E’ il mio sport preferito. Quello che ha fatto Serena è incredibile. È la CAPRA di tutti i tempi. Sono sicuro che negli ultimi anni è stato più difficile per lei con un bambino, soprattutto in uno sport così fisico. Ma ha fatto in modo fantastico.

“Ho visto una citazione che ha fatto: passerò da brava mamma a brava mamma. Fa male perché è vero. L’altro giorno in viaggio mi sono detta: “Oh, Dio, sto facendo soffrire così tanto il mio bambino”. Ha anche aspetti positivi. Ci sono cose che il mio bambino sperimenterà che gli altri bambini non sperimenteranno mai. Voglio davvero viaggiare almeno per qualche anno con lui e vedere com’è”.

Lydia Ko, che, come Williams, era una teenager sensazionale e ha vissuto tutta la sua vita adulta sotto i riflettori, ha definito Serena: “Una delle più grandi atlete di tutti i tempi, non solo nel tennis.

“Era una tennista dominante, poi ha avuto la sua bellissima figlia e poi è uscita di nuovo dominando”, ha detto Ko. “È molto difficile da fare. Anche quando vedo alcune delle mamme LPGA, penso, wow, è già abbastanza difficile fare una cosa, ma destreggiarsi, non due, sono più cose, è piuttosto folle.

“Penso che quello per cui ha fatto, non solo il tennis e non solo lo sport, ma quello che ha fatto per l’emancipazione femminile sia davvero speciale.

“Ha cambiato il gioco e penso che abbia cambiato il modo in cui le persone percepiscono le atlete. Lei è un modello”.

Leave a Comment