headlines

Donald Trump risponde agli attacchi di Joe Biden definendolo un “nemico dello Stato”

Donald Trump risponde agli attacchi di Joe Biden definendolo un "nemico dello Stato"


Dopo le dichiarazioni offensive di Joe Biden, tocca a Donald Trump lanciare le sue salve in un clima sempre più teso. L’ex presidente americano ha risposto sabato 3 settembre all’attuale inquilino della Casa Bianca – che lo aveva dipinto come una minaccia alla democrazia – trattandolo a sua volta come“nemico dello Stato”.

Leggi anche: Repubblicani fedeli a Donald Trump attaccati da Joe Biden, in vista delle elezioni di medio termine

Donald Trump si è recato a Wilkes-Barre, una città vicino a Scranton, città natale di Joe Biden, per sostenere i candidati repubblicani alle prossime elezioni di medio termine dell’8 novembre, tra cui Mehmet Oz, un medico che è diventato una star del piccolo schermo.

Ma in questo stato della Pennsylvania, che sarà fondamentale nella battaglia per il controllo delle due camere, il suo rivale lo aveva preceduto questa settimana e lo aveva attaccato con rara virulenza, accusandolo di rappresentare, con “i “Repubblicani MAGA” [pour « Make America Great Again », rendre à l’Amérique sa grandeur] un estremismo che minaccia le fondamenta stesse della nostra Repubblica”. A Filadelfia, culla degli Stati Uniti, Joe Biden aveva addirittura chiesto il salvataggio “Anima d’America”castigando coloro che “non rispettare la Costituzione”, “Non credo nello Stato di diritto”, “non riconoscere la volontà del popolo”.

Leggi anche: Joe Biden in campagna denuncia il “semifascismo” all’interno del Partito Repubblicano

Accenti della campagna presidenziale

” È lui [Joe Biden], nemico dello Stato”ha risposto Donald Trump, denunciando “il discorso più feroce, odioso e divisivo mai pronunciato da un presidente americano”. “Le sue parole erano solo odio e rabbia”ha insistito, all’unisono con i suoi sostenitori.

Così, in mezzo a cartelli rossi o blu che chiedono “salva l’america”Edward Young, 63 anni, lo credeva “Il Presidente degli Stati Uniti, il cosiddetto Presidente degli Stati Uniti, mi ha dichiarato guerra. E dichiarò guerra a mezza America”.

Donald Trump, a Wilkes-Barre (Pennsylvania), 3 settembre 2022.

Denunciando l’inflazione e un aumento dell’insicurezza, Donald Trump, che ha apertamente intenzione di correre di nuovo nel 2024, ha anche descritto il record più negativo possibile di Joe Biden, in un discorso che a volte ha assunto accenti della campagna presidenziale.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti Negli Stati Uniti, il campo di Biden riacquista la speranza prima delle elezioni di medio termine

“Potresti prendere i cinque peggiori presidenti nella storia degli Stati Uniti e metterli insieme, non avrebbero potuto fare il danno che Joe Biden ha fatto al nostro Paese in meno di due anni”, ha affermato il 76enne repubblicano. L’incontro è iniziato con una selezione di immagini di Joe Biden che balbettava durante i discorsi.

“Una parodia della giustizia”

Davanti ai suoi sostenitori, e per la sua prima apparizione pubblica dopo la perquisizione da parte della polizia federale (FBI) della sua residenza a Mar-a-Lago in Florida, Donald Trump ha anche affermato che questo atto di indagine costituiva “l’esempio più lampante delle reali minacce alla libertà americana”, e “dei più scioccanti abusi di potere da parte di un’amministrazione nella storia americana”. “La vergognosa incursione e incursione nella mia casa di Mar-a-Lago è stata una parodia della giustizia”ha insistito.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti Joe Biden mette in bilico la democrazia (e Trump), a due mesi dalle elezioni di medio termine

L’FBI aveva effettuato questa perquisizione perché sospetta che l’ex presidente abbia tenuto illegalmente documenti riservati del suo mandato alla Casa Bianca (2017-2021). Gli investigatori federali ritengono che tra le 30 scatole sequestrate ci siano documenti top secret “probabilmente nascosto” ad ostacolare le indagini, si legge in un documento del ministero della Giustizia. Ma per Donald Trump, questo “flagrante abuso della legge” produrrà “un contraccolpo come nessuno ha mai visto”.

Il miliardario è anche oggetto di indagini sui suoi sforzi per ribaltare i risultati delle elezioni presidenziali del 2020 e sul suo ruolo nel violento assalto dei suoi sostenitori al Campidoglio, a Washington, il 6 gennaio 2021. Non lo è per il momento perseguito in nessun caso.

Leggi anche la rubrica: Articolo riservato ai nostri iscritti “Donald Trump continua a impedire ogni riflessione programmatica schiacciando la vita del suo partito con tutto il suo ego”

Donald Trump ha anche messo in dubbio ancora una volta il risultato delle elezioni presidenziali del 2020, che lo hanno visto perdere contro Joe Biden. “Le elezioni americane dovrebbero essere decise dal popolo americano. E non è andata così nel 2020″.Egli ha detto.

Il mondo con AFP

Leave a Comment