headlines

9 migranti muoiono attraversando il rapido fiume Texas

9 migranti muoiono attraversando il rapido fiume Texas


Funzionari su entrambi i lati del confine tra Stati Uniti e Messico hanno cercato altre vittime sabato dopo che almeno nove migranti sono morti mentre cercavano di attraversare il Rio Grande inondato di pioggia, un pericoloso tentativo di attraversare il confine in un’area in cui il livello del fiume era aumentato di oltre 2 piedi in un solo giorno.

La dogana e la protezione delle frontiere statunitensi e i funzionari messicani hanno scoperto le vittime vicino a Eagle Pass, in Texas, giovedì, dopo giorni di forti piogge. Funzionari statunitensi hanno recuperato sei corpi, mentre le squadre messicane ne hanno recuperati tre, secondo una dichiarazione del CBP. È uno degli annegamenti più mortali al confine tra Stati Uniti e Messico nella storia recente.

Il fiume, che all’inizio della settimana era profondo poco più di 3 piedi (90 centimetri), giovedì ha raggiunto più di 5 piedi (1,5 metri) e l’acqua scorreva cinque volte più veloce del solito, secondo il National Servizio Meteo.

Il CBP ha affermato che gli equipaggi statunitensi ne hanno salvati altri 37 dal fiume e ne hanno detenuti altri 16, mentre i funzionari messicani hanno preso in custodia 39 migranti.

Il CBP non ha detto da quale paese o paesi provenissero i migranti e non ha fornito alcuna informazione aggiuntiva sulle operazioni di salvataggio e ricerca. Le agenzie locali del Texas coinvolte non hanno risposto alle richieste di informazioni.

Tra i corpi recuperati dal fiume dalle autorità messicane c’erano un uomo e una donna incinta, sebbene la loro nazionalità fosse sconosciuta, ha affermato Francisco Contreras, membro della Protezione civile nello stato di confine messicano di Coahuila. Nessun dettaglio è stato rilasciato sul terzo corpo trovato.

Il settore Del Rio della Border Patrol, che include Eagle Pass, sta rapidamente diventando il corridoio più trafficato per gli attraversamenti illegali. Gli agenti hanno fermato i migranti quasi 50.000 volte nel settore a luglio, con il Rio Grande Valley al secondo posto a circa 35.000. Eagle Pass si trova a circa 140 miglia (225 chilometri) a sud-ovest di San Antonio.

L’agente capo della pattuglia Jason Owens del settore Del Rio ha affermato che, nonostante le pericolose correnti delle recenti piogge, gli agenti della pattuglia di frontiera nel settore continuano a incontrare gruppi grandi come 100 o 200 persone che cercano di attraversare il Rio Grande ogni giorno.

“Nel tentativo di prevenire ulteriori perdite di vite umane, chiediamo a tutti di evitare di attraversare illegalmente”, ha detto Owens in una nota.

Tra i motivi per cui l’area è diventata popolare per i migranti negli ultimi anni è che non è così fortemente controllata dai cartelli ed è percepita come un po’ più sicura, ha affermato Stephanie Leutert, direttrice dell’Iniziativa politica per l’America centrale e il Messico presso il Centro dell’Università del Texas per la sicurezza internazionale e il diritto.

“Potrebbe essere un prezzo diverso. Potrebbe essere considerato più sicuro. Potrebbe tenerti lontano da città notoriamente pericolose”, ha detto Leutert. “Quelle città (nel settore di Del Rio) hanno sicuramente avuto la reputazione di essere più sicure di Nueva Laredo”.

L’area attira migranti da dozzine di paesi, molti dei quali famiglie con bambini piccoli. Circa sei delle 10 fermate nel settore Del Rio a luglio erano migranti provenienti da Venezuela, Cuba o Nicaragua. La regione è stata anche un popolare punto di passaggio per i migranti di Haiti, migliaia dei quali sono rimasti bloccati nelle città di confine dal 2016, quando l’amministrazione Obama ha interrotto bruscamente una politica che inizialmente li consentiva per motivi umanitari.

Il settore, che si estende per 245 miglia (395 chilometri) lungo il Río Grande, è stato particolarmente pericoloso perché le correnti fluviali possono essere ingannevolmente veloci e cambiare rapidamente. Attraversare il fiume può essere impegnativo anche per i forti nuotatori.

“Ci sono luoghi in cui i livelli dell’acqua sono bassi dove potresti guadare, ma quando il fiume è in alto è estremamente pericoloso, specialmente se stai trasportando bambini o stai cercando di aiutare qualcuno che non è un forte nuotatore”, ha detto Leutert.

In un comunicato stampa del mese scorso, il CBP ha affermato di aver scoperto i corpi di oltre 200 migranti morti nel settore da ottobre a luglio.

Quest’anno è sulla buona strada per battere il record dell’anno scorso per il maggior numero di morti al confine tra Stati Uniti e Messico dal 2014, quando l’Organizzazione internazionale delle Nazioni Unite per le migrazioni ha iniziato a tenere il registro. L’organizzazione ha registrato oltre 4.000 morti al confine dal 2014, sulla base di notizie e altre fonti, di cui 728 l’anno scorso e 412 durante i primi sette mesi di quest’anno, spesso per disidratazione o annegamento. Giugno è stato il quarto mese più mortale mai registrato, con 138 vittime.

La Border Patrol non ha rilasciato conteggi ufficiali dal 2020.

A giugno, 53 migranti sono stati trovati morti o moribondi in un rimorchio su una strada secondaria a San Antonio nella tragedia più mortale documentata in cui sono morte i migranti contrabbandati attraverso il confine dal Messico.

“L’intero viaggio parla della disperazione delle persone”, ha detto Leutert. “Sanno che attraversare il fiume è pericoloso. Sanno che fare escursioni attraverso il ranchland è pericoloso. Sanno che attraversare il Messico come straniero è pericoloso. Ma sono disposti a farlo perché quello che si stanno lasciando alle spalle è, per loro, una possibilità peggiore che affrontare il rischio e cercare un’opportunità migliore negli Stati Uniti”

Alcuni dei valichi più trafficati del confine, tra cui Eagle Pass e Yuma, in Arizona, erano relativamente tranquilli due anni fa e ora attirano in gran parte migranti dall’esterno del Messico e dai paesi del “Triangolo del Nord” dell’America centrale, Guatemala, Honduras ed El Salvador. Il Messico ha accettato di accogliere i migranti dai paesi del “Triangolo del Nord”, così come i propri cittadini, se vengono espulsi dagli Stati Uniti ai sensi del Titolo 42, la norma pandemica in vigore da marzo 2020 che nega il diritto di chiedere asilo per motivi di prevenire la diffusione del COVID-19.

È probabile che persone provenienti da altri paesi vengano rilasciate negli Stati Uniti con la libertà vigilata umanitaria o con l’avviso di comparire in tribunale per l’immigrazione perché gli Stati Uniti hanno difficoltà a riportarle a casa a causa di costi, relazioni diplomatiche tese o altre considerazioni. Nel settore Del Rio della Border Patrol, che include Eagle Pass, solo una fermata su quattro a luglio è stata elaborata in base alla regola della pandemia, rispetto a circa la metà attraverso il resto del confine, secondo i dati del governo.

I venezuelani erano di gran lunga la nazionalità più comune incontrata dagli agenti della pattuglia di frontiera nel settore Del Rio a luglio, con 14.120 fermate su 49.563, o quasi tre su 10. Sono stati seguiti dai cubani, che sono stati fermati 10.275 volte, e poi dai messicani , honduregni, nicaraguensi e colombiani, in quest’ordine.

Quando sempre più persone hanno attraversato il Texas meridionale negli anni 2010, la contea di Brooks è diventata una trappola mortale per molti migranti che hanno cercato di aggirare un posto di blocco dell’autostrada della Border Patrol nella città di Falfurrias, a circa 70 miglia (110 chilometri) a nord del confine. I contrabbandieri li hanno lasciati prima del checkpoint e hanno preso accordi per raccoglierli dall’altra parte, ma alcuni sono morti lungo la strada per disidratazione.

Le montagne Baboquivari in Arizona e i ranch nella contea di Brooks in Texas attirano ancora agenti della pattuglia di frontiera e famiglie addolorate che sperano di salvare i migranti o, in caso contrario, trovare cadaveri, ma le correnti ingannevolmente forti intorno alle città del Texas di Eagle Pass e Del Rio hanno diventa sempre più pericoloso poiché l’area è diventata uno dei luoghi più popolari per entrare illegalmente negli Stati Uniti.

Non tutte le vittime sono migranti. Nell’aprile di quest’anno, il corpo di una guardia del Texas è stato recuperato dal Rio Grande. Era saltato dentro per cercare di aiutare un migrante che stava lottando in acqua.

___

Spagat segnalato da San Diego e Murphy segnalato da Oklahoma City. Gli scrittori dell’Associated Press Terry Wallace a Dallas e Fabiola Sanchez a Città del Messico hanno contribuito.

Leave a Comment