golf

Tano Goya è una delle tante 18 buche lontane dal sogno del PGA Tour al KFT Champ.

Tano Goya è una delle tante 18 buche lontane dal sogno del PGA Tour al KFT Champ.


Per molti giocatori, realizzare il sogno di una vita di giocare nel PGA Tour è sceso a 18 buche.

Justin Suh detiene il vantaggio di 54 buche del Korn Ferry Tour Championship a 17 sotto, ma non giocherà l’ultimo round con l’ansia di non conoscere il suo destino per la prossima stagione: si è già assicurato la sua carta Tour.

Tano Goya, tuttavia, è uno di quei giocatori per i quali una buona o una cattiva domenica al Victoria National Golf Club può decidere il destino del loro Tour.

Il 34enne argentino è entrato nel campionato KFT al 64° posto nella lista dei punti e aveva bisogno di una settimana importante per entrare nelle Finals 25 e raggiungere lo status di Tour per il 2022-23.

Nonostante giochi professionalmente dal 2007, Goya ha solo 69 inizi sanzionati dal PGA Tour a suo nome. Solo cinque di questi sono arrivati ​​​​al PGA Tour, di cui 40 al PGA Tour Latinoamérica e 24 lo scorso anno alla KFT, dove ha registrato una top 10.

Ma probabilmente il più grande evento della sua carriera, è un colpo indietro rispetto al comando e sul punto di rivendicare una delle 17 carte Tour in palio questa settimana – ed è esattamente per questo che ha continuato a superare le difficoltà.

Punteggi a tutto campo dal Korn Ferry Tour Championship

“Sono stato su e giù molto”, ha detto Goya dopo il Round 3. “Ho avuto un ottimo inizio di carriera, ma sono andato giù abbastanza rapidamente. Arriva a un punto in cui consideri forse di fare qualcos’altro, smettere, ma qualcosa dentro di me ha detto: ‘No, ho continuato ad andare avanti e sono stato qui solo oggi, domani ho la possibilità di farcela nel Tour. Voglio dire, ho lavorato tutta la vita per questo e sono pronto per questo”.

Sebbene la sua ricerca per una carta Tour non sia stata faticosa come quella di Goya, Austin Eckroat, 23 anni, che come Goya aveva bisogno di salire di quasi 40 posti tra i primi 25 questa settimana, è un altro nome sul precipizio per guadagnare lo status di Tour per il prossimo stagione.

Dopo una straordinaria carriera universitaria all’Oklahoma State, dove ha vinto un campionato nazionale nel 2018, Eckroat ha giocato nella KFT nelle ultime due stagioni, ottenendo alcune esenzioni da sponsor durante il Tour.

Seduto T-3 a 15 sotto, Eckroat spera di estendere il suo gioco forte per un altro round, quindi non deve più fare affidamento su esenzioni per gareggiare insieme al suo compagno di squadra del college Viktor Hovland.

Eckroat è legato a Nicholas Lindheim e Michael Gligic. Lindheim è entrato nella settimana all’interno delle Finals 25, mentre Gligic, il leader delle 36 buche, ha già bloccato una carta Tour, ma sta cercando di finire primo nella lista dei punti per guadagnare lo status di Tour completo più un posto in The Players e US Open .

Alcuni altri vicini alla vetta della classifica, come Eric Cole, Carson Young, Brent Grant, Ben Martin e Nick Hardy, sono a un solido round dal guadagnare le loro carte.

Altri giocatori bolla come Aaron Baddeley, Grayson Murray, Sean O’Hair e Hurly Long dovranno spostare le catene domenica e potrebbero anche aver bisogno che alcuni dei loro concorrenti si abbandonino.

Patrick Fishburn era il numero 26 in arrivo questa settimana e si è fatto strada tra i primi 25 con 67 secondi consecutivi. Tuttavia, con un terzo round 76, ha il suo lavoro da fare domenica.

Camilo Villegas ha seguito il suo record di 62 con un 73 ed è caduto in diversi punti dai primi 25.

Kiradech Aphibarnrat, che è arrivato al secondo round T-2, ha sparato 81 sabato e ora si trova T-65, probabilmente gli è costata una possibilità di riguadagnare la sua carta.

Sarà una domenica snervante e il modo in cui un giocatore gestisce la pressione può fare la differenza tra trascorrere la prossima stagione nel Korn Ferry Tour o vivere un sogno giocando regolarmente contro i migliori del mondo nel PGA Tour.

“È solo alla fine della giornata che arriva il momento, dipende tutto da quanto lavoro ci metti”, ha detto Goya. “Niente può salvarti e sei tu contro il campo da golf, nient’altro.”

Leave a Comment