RUGBY. Dal mondo professionistico al Federal dai 3 ai 21 anni, la strabiliante traiettoria di Yohan Kehlhoffner


Ogni stagione, al momento dei trasferimenti, capita che Elite Hopefuls non trovi sempre quello che fa per loro. Generalmente, la maggior parte finisce per trovare un punto di caduta nella 3a, 4a o anche 5a o 6a divisione, al livello più basso. Altri, in una posizione migliore, potrebbero avere la possibilità di firmare una grande squadra, sia con un contratto professionale che speranzoso. Ma quelli che fanno il salto opposto, non corrono per le strade, per non dire altro. In verità, passare dall’esordio in una squadra semifinalista di Espoir nell’ultimo campionato francese, al Federal 3, rappresenta addirittura una vera singolarità. Questa è però la scelta fatta quest’estate da Yohan Kehlhoffner, quando ha deciso di passare all’Aubagne (13), nella 7a divisione francese. Non riuscendo ad avere – per il momento – la carriera professionale che tanto agognava, il soggetto di questo scritto può almeno consolarsi dicendo che questo genere di bella storia, così giovane (21 anni), accade solo una volta all’anno, in Francia .

VIDEO. SPERANZA. L’apoteosi di Aurillac, campione di Francia spera contro il Tolosa

E vediamo arrivare da lontano gli ignoranti che discuterebbero senza pensare che in questo gioco tutto è questione di livellamento sul prato. Non sempre, no. In questo caso, Kehlhoffner, 3a linea dell’ASM dai Crabos, ha visto le opportunità con i club Top 14 e ProD2 chiudersi la scorsa primavera, quando lui e il suo agente hanno impiegato troppo tempo per cercare davvero un punto di caduta per questo imminente 2022/2023 stagione. Risultati? Altre proposte hanno puntato la punta del naso, senza corrispondere ad essa. In effetti, era pieno di schizzi. I club mi volevano all’inizio della scorsa stagione, ma ci abbiamo messo troppo tempo e quando siamo arrivati ​​alla fine di aprile, era troppo tardi perché un club d’élite volesse assumermi. Le proposte migliori, infatti, sono arrivate dalla Nationale 1, con il Rennes, che era interessato in particolare al mio profilo, o dalla Nationale 2, ma in club che non hanno ancora una vera struttura professionale..” Una situazione sufficiente per confermare la sua scelta:

Il mio obiettivo era tornare al Sud, per essere più vicino a casa. Non era possibile a livello professionale, quindi mi sono detto che smettere di non avere una struttura di alto livello e di non essere felice in Nazionale dall’altra parte della Francia, tanto di tornare a casa mia, nel mio club di allenamento, per divertirmi e cercare di espandermi fisicamente.

Un giocatore multitalento

Espandere? Si, esattamente. Perché contrariamente a quanto si potrebbe pensare da una 3a linea che conosceva le giovani squadre francesi e che si è esibita a Espoirs, Yohan Kehlhoffner non è predisposto a calpestare fisicamente la concorrenza in Fed 3, anzi. Lui lo sa, questo tipo di campionato duro gli permetterà di riporre la bottiglia, di indurirsi e di “prendere” fisicamente grazie ad un orario più leggero che in un centro di allenamento. Con i suoi 1m95 per 97 kg, “Kehlhof” è davvero piuttosto negli standard leggeri per l’alto livello. Ha sempre sostenuto il gioco piuttosto che il confronto diretto e si definisce un jgiocatore di palla, che può assumere il ruolo di placcatore/grattacielo se necessario, ma piuttosto di corridore e conduttore di palla nel cuore.

VIDEO.  Accelerando, Nelson Épée prende la tangenziale per abbandonare la difesa ingleseVIDEO. Accelerando, Nelson Épée prende la tangenziale per abbandonare la difesa inglese

Inoltre non è da poco che sia appena uscito da 3 tappe Supersevens disputate con l’ASM ad agosto. Ma anche che ha vissuto le gioie dello sviluppo di France 7 durante un Torneo a Dubai l’anno scorso, e persino uno stage di una settimana nei Paesi Baschi con la grande squadra della Francia a 7. Quello di Riva, Parez, Sword o Sepho.. .”Questo è stato fatto durante la finale dei Supersevens all’U Arena lo scorso anno, dove Killian Tixeront (capitano degli U20 francesi, ndr) ed io siamo stati individuati dagli specialisti dei 7s, lui spiega. Ho solo un anno su 7 ad alto livello e non ero specializzato nella disciplina ma mi ha portato molto nel mio gioco alla XV.

Aubagne, il trampolino di lancio perfetto?

Insomma, per ora rifinito con prati e ambienti professionali perfetti, anche se ricordiamo che il complesso di Aubagnais, coccolati per l’occasione, aveva ospitato alcuni allenamenti per il XV di Francia lo scorso gennaio, quando stava preparando il Torneo in regione. Il principale interessato, se non ha mai giocato a questo livello, la pensa lo stesso più o meno sapendo dove sta mettendo piede. “Non mi aspetto Top 14, ovviamente. Ma quando vedo il numero di colleghi che sono passati per i centri di formazione e che giocano oggi in Federal 3, mi dico che deve essere ancora un bel livello.

RUGBY.  AMATORIALE.  La grande riforma federale 3 morti sul nascereRUGBY. AMATORIALE. La grande riforma federale 3 morti sul nascere

E le sue aspirazioni per il futuro, quindi? “Gli allenatori sono rimasti molto sorpresi di sapere che sono atterrato ad Aubagne. Ma sono stati molto cordiali con me, capendo i miei desideri, i miei obiettivi e assicurandomi che avrebbero fatto di tutto per farmi fiorire e chissà, che nelle prossime stagioni troverò un club di livello superiore. . Quindi diciamo che elevare il mio club a Federal 2 e trovare un club Federal 1 o National nella zona sarebbe l’ideale“Scommessa tenuta, signor Kehlhoffner…

E anche : AMATORIALE.  359 pts in Federal 1 e miglior giocatore di Nîmes: chi sei Samuel Roche?AMATORIALE. 359 pts in Federal 1 e miglior giocatore di Nîmes: chi sei Samuel Roche?

Leave a Comment