Mercato: il PSG ha fatto grandi concessioni per sbarazzarsi dei suoi indesiderabili


Se durante l’estate ha fatto lasciare una ventina di giocatori, il PSG ha dovuto fare lo stesso delle concessioni importanti: non poche cessioni e molti prestiti ma anche un buon numero di stipendi ancora largamente pagati dal club di capitale.

Il PSG lo voleva e ne aveva fatto una priorità, era necessario inviare un buon numero di giocatori quest’estate e, a quanto pare, la missione è stata portata a termine dato che più di 20 giocatori professionisti hanno lasciato Parigi durante l’estate. Alcuni giovani sono stati sicuramente licenziati per facilitare le partenze, ma ci sono stati anche i trasferimenti. Ma solo sei, di cui quattro riguardano giocatori non presenti la scorsa stagione ma in prestito: Kalimuendo (venduti 20 milioni di euro + 3 milioni di bonus al Rennes), Areola (9 milioni di euro + 3 milioni di euro al West Ham), Bulka (2 milioni di euro in Nizza) e Baldé (3M€ + 1 a Troyes).

Ci sono quindi davvero solo due giocatori del girone della scorsa stagione che sono stati ceduti: Thilo Kehrer al West Ham (12 milioni di euro + 4) e Idrissa Gueye all’Everton per una cifra irrisoria di appena 2 milioni di euro, come confermato dai media inglesi e francesi nelle ultime ore. Con il prestito di 2 milioni di euro di Diallo, nelle casse sono andati solo 50 milioni di euro, anche se la cifra dovrebbe logicamente crescere con i bonus futuri, più quelli delle stagioni precedenti.

Prestiti in quantità, ma opzioni di acquisto ancora da confermare

Ciò che ha maggiori probabilità di aumentare l’importo raccolto dal PSG sono in definitiva le opzioni per acquistare giocatori in prestito. Se il Francoforte viene mantenuto, Eric Junior Dina Ebimbe rimarrà automaticamente lì e porterà 6 milioni di euro per il PSG. Sembra che non tornerà nemmeno Ander Herrera, ma non aspettatevi un grande flusso di cassa. Se invece Paredes giocherà un determinato numero di partite e in base alla carriera della Juventus in Champions League, porterà a Parigi tra 22,5 e 25,6 milioni di euro, o solo 2,5 milioni di euro se rientra tra un anno. non esercitato.

Per Wijnaldum e la sua opzione di acquisto da 8 milioni di euro, le cose sono già iniziate male con il suo grave infortunio poiché ha dovuto giocare il 50% delle partite (e la Roma si qualificava per la prossima C1) perché diventasse automatico. . Anche Parigi può sperare che il Lipsia eserciti l’opzione per l’acquisto di Diallo per 25 milioni di euro, lo stesso per il Sunderland con Michut (5 milioni di euro) ma il totale ammonterà a circa 70 milioni di euro, ovvero 120 milioni di euro in totale con i 50 milioni già incassati. Una bella somma, ma comunque molto ipotetica.

Stipendi ancora pagati dal PSG

Il PSG ha anche prestato un buon numero di giocatori senza opzione di acquisto, giocatori che quindi è certo di rivedere tra un anno. Questo è particolarmente il caso di Julian Draxler o Layvin Kurzawa, ma Parigi ha accettato condizioni salariali a volte molto poco lusinghiere. Il PSG pagherà quindi non meno dell’80% dello stipendio di Draxler secondo i media portoghesi e L’Equipe, e non meno del 60% di quello di Kurzawa secondo la stessa fonte. Per Wijnaldum, è ancora il 40% della somma totale pagata da Parigi.

Queste concessioni salariali sono tutt’altro che finite dal momento che il PSG dovrà nuovamente pagare gran parte dello stipendio di Mauro Icardi se verrà ceduto in prestito alla Turchia come è tendenza. Viene anche menzionato il sostegno allo stipendio del club parigino fino alla metà, se non di più. Per liberarsi dei suoi indesiderabili, il PSG si è dunque fatto in quattro e, dietro le venti partenze registrate, la realtà economica è logicamente meno lusinghiera.

Il peggio potrebbe però intervenire la prossima estate con il ritorno di giocatori i cui club, dopo averli accolti, non vogliono più. Tra i giocatori in prestito la scorsa stagione, Rico e Rafinha sono tornati e ci sono ancora, mentre il Sarabia non ha avuto un’offerta interessante nonostante abbia disputato una stagione superba con i colori dello Sporting. Questo almeno avrà permesso di rilanciare sportivamente e di tornare a contare agli occhi del PSG. Un male minore, ma che non porta soldi a un club che lo sta comunque cercando.

Leave a Comment