headlines

Incendio imponente in una California schiacciata dal caldo

Incendio imponente in una California schiacciata dal caldo


Centinaia di vigili del fuoco sono stati mobilitati giovedì 1 settembre per combattere un incendio lungo un’importante autostrada in California, colpita da una terribile ondata di caldo. I bombardieri d’acqua sono entrati in azione per cercare di controllare un incendio iniziato mercoledì e che ha già colpito più di 2.100 ettari dell’hinterland di Los Angeles. Sette vigili del fuoco sono stati brevemente ricoverati in ospedale con lievi ferite dovute al calore, hanno detto i vigili del fuoco.

La California sta affrontando, come parti del Nevada e dell’Arizona, un altro giorno di temperature estreme. Una cupola di calore si è posata sull’area, spingendo il mercurio a salire fino a 43°C giovedì nell’area dell’incendio. Questo clima soffocante dovrebbe continuare fino alla prossima settimana, con punte di temperatura fino a 46°C.

L’incendio sul lato dell’autostrada, soprannominato “Route Fire”, è “un segnale di allarme” sull’attuale rischio di incendio, ha affermato Robert Garcia, il capo degli incendi boschivi dell’area di Los Angeles. Le condizioni attuali potrebbero portare a incendi “molto veloce” con un “comportamento esplosivo”Egli ha detto. “I prossimi giorni saranno molto difficili”ha avvertito Robert Garcia davanti alla stampa.

La “Route Fire”, che ha bloccato alcune ore durante l’autostrada principale che collega Los Angeles a San Francisco, è in parte sotto controllo, hanno detto i vigili del fuoco, ma resta ancora molto da fare per ottenerne l’estinzione. “Il caldo intenso, la bassa umidità e il terreno accidentato complicheranno il lavoro dei vigili del fuoco”, hanno affermato le autorità in un aggiornamento della situazione. Stimano che ciò promuoverà grandi pennacchi di fumo, l’avanzamento del fuoco verso la sommità dei rilievi e l’innesco di altri incendi vicini.

Temperature pericolosamente calde

L’ondata di caldo che ha colpito gli Stati Uniti occidentali ha anche causato interruzioni alla rete elettrica californiana. Il suo regolatore, la California ISO, chiede alle famiglie di limitare i propri consumi dalle 16:00 alle 21:00 per evitare la saturazione. Tra le misure raccomandate c’è in questi orari l’interruzione della ricarica dei veicoli elettrici, in uno Stato che pochi giorni prima aveva annunciato che avrebbe vietato la vendita di nuove auto a benzina entro il 2035. La riduzione della domanda che risulterebbe da questi gesti “può aiutare a stabilizzare la rete elettrica nei momenti di forte domanda e (in tal modo) evitare misure di emergenza che includono tagli” temporaneo”, ha scritto la California ISO nel suo messaggio di avviso.

A metà giornata, tutti i pannelli solari forniscono un terzo dell’elettricità in California. Ma al calare del sole, la fornitura di energia fotovoltaica si interrompe bruscamente, lasciando il posto alle altre fonti di energia elettrica – il che è un problema in prima serata, quando il caldo del giorno non scende ancora, spingendo la domanda via aria condizionata. Mercoledì, il governatore democratico Gavin Newsom ha temporaneamente revocato le restrizioni in modo che le centrali elettriche a combustibili fossili potessero produrre di più.

Il servizio meteorologico statunitense (NWS) ha emesso un avviso di “caldo eccessivo” per la maggior parte della California, così come parti dell’Arizona e del Nevada, avvertendo di “temperature pericolosamente calde” per i prossimi giorni. Il mercurio dovrebbe rimanere molto alto – oltre i 25°C – durante la notte. Nel sud della California, le ondate di caldo non sono insolite a settembre, ma le temperature superiori ai 37°C sono considerate molto calde, anche per una zona nota per il suo forte sole.

Le ondate di calore ricorrenti sono un indicatore inequivocabile del riscaldamento globale e queste ondate di calore sono destinate a moltiplicarsi, allungarsi e intensificarsi ulteriormente, affermano gli scienziati. Il West americano è colpito da oltre due decenni di devastante siccità, aggravata dai cambiamenti climatici.

Leave a Comment