i file classificati sono stati trovati vuoti


Dubbi e domande crescono sui documenti governativi altamente riservati che l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump si è portato a casa alla fine del suo mandato.

Un inventario dettagliato del materiale sequestrato nella residenza di Mar-a-Lago (Florida), pubblicato venerdì 2 settembre, mostra che gli agenti dell’FBI in particolare hanno trovato diverse dozzine di file vuoti contrassegnati come “classificati” nell’ufficio del signor Trump, il che potrebbe suggerire che i documenti sensibili potrebbero essere andati perduti o distrutti.

Leggi anche: Cerca a Donald Trump: documenti “top secret”, comprese le informazioni sul “Presidente francese”, sequestrati dall’FBI

Questo elenco compilato dal Dipartimento di Giustizia rivela il contenuto di trentatré scatole e casse recuperate dall’ufficio del signor Trump e da un ripostiglio a Mar-a-Lago durante la ricerca dell’8 agosto. Sebbene l’inventario non descriva il contenuto dei documenti, mostra fino a che punto le informazioni riservate – compresi i documenti top secret – erano nascoste in scatole e mescolate con giornali, riviste, vestiti e altri oggetti personali.

Il documento mostra anche che Trump aveva conservato più di 11.000 documenti segreti non classificati relativi allo stato. Lui afferma di avere il diritto di conservarli, ma legalmente ritornano agli archivi nazionali. Tra i testi sequestrati durante l’operazione di polizia ci sono diciotto documenti classificati top secret, cinquantaquattro segreti e trentuno riservati.

“Probabilmente una buona prova”

Bill Barr, ministro della Giustizia per quasi due anni durante il mandato di Trump, ha stimato venerdì che la spettacolare perquisizione dell’FBI a casa dell’ex presidente americano sembrava giustificata e che le autorità sembravano aver ” buone “ prova di un tentativo di ostruzione da parte sua. Il signor Trump è indagato per una potenziale violazione dell’Espionage Act.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti Donald Trump sotto inchiesta per potenziale violazione dell’Espionage Act

“Per loro di arrivare dove siamo oggi, probabilmente hanno buone prove”ha detto su Fox News il signor Barr, che è passato dal sostenere l’ex presidente a detrattore. “Se hanno prove chiare che il presidente si è trasferito e nascosto cose nel suo ufficio e ha detto alle persone di nascondere le informazioni al governo, potrebbero essere inclini a portare questo caso” in tribunale, ha aggiunto.

“Penso che la forza trainante di tutto, fin dall’inizio, sia stata la pila di informazioni riservate che si trovava a Mar-a-Lago”ha dichiarato. “La gente dice che è stato senza precedenti”ha continuato su questa ricerca. “Beh, è ​​anche senza precedenti per un presidente prendere tutte queste informazioni riservate e metterle in un country club”aggiunse, aspramente.

Leggi anche: Donald Trump presenta ricorso per sospendere l’esame dei documenti sequestrati dall’FBI a casa sua

Ma se ha chiamato” folle ” e D’« inspiegabile » Il comportamento del signor Trump riguardo ai documenti, il signor Barr, tuttavia, ha detto che sperava che il dipartimento non lo incriminasse “, visto che è un ex presidente e in vista dello stato della nazione”.

Il signor Trump ha risposto, in un messaggio sul suo social network, Truth Social. “L’ex procuratore generale Bill Barr è stato licenziato molto prima che io lasciassi la Casa Bianca”ha scritto l’ex presidente repubblicano.

Le Monde con AP e AFP

Leave a Comment