una finestra di trasferimento di tutti i record!


Cosa c’è dopo questo annuncio

“Il problema con le manie di grandezza è che non sai dove finisce la grandezza e dove inizia la follia”. Come riassumere al meglio la finestra di mercato estiva del Nottingham Forest, se non con questa massima presa in prestito da Quino, famoso autore di fumetti argentino. E per una buona ragione. Se certi animi allarmisti stanno già soffiando, a torto oa ragione, il termine eccessivo annotando il bilancio dei Reds sul mercato, altre anime, raccolte nell’Est delle Midlands, si stanno imbrigliando, come loro, per comporre il loro futuro sogno undici. Un’emozione che veste i colori bianco e rosso cari al City Ground e sale a poche ore da un’estate immersa in un tumulto quasi costante. L’ebbrezza di un neopromosso nell’elite del calcio inglese e pronto a tutto pur di farsi notare.

Tornato in Premier League 23 anni dopo averla lasciata, il Nottingham Forest ha infatti ottenuto una finestra di mercato tanto vertiginosa quanto storica. 21 reclute, o praticamente due squadre intere. Una tappa che potrebbe essere raggiunta anche visto che, come vi abbiamo svelato, Serge Aurier, free agent, ha accettato di entrare a far parte della squadra inglese. 173 milioni di euro spesi con, come clou, questo trasferimento di Morgan Gibbs-White, centrocampista di 22 anni reclutato dal Wolverhampton per 29 M€ (bonus esclusi). Simbolo di questa costante attività, i vertici del Nottingham Forest hanno speso più di un terzo del totale investito da tutti i club della Bundesliga messi insieme (484 milioni di euro spesi). Su tutte le linee e in tutte le posizioni, Forest ha reclutato.

ventuno foresta!

In porta il magnate armatore greco Evangelos Marinakis, titolare del club, e il suo staff hanno così arruolato Dean Henderson, arrivato dal Manchester United, ma anche Wayne Hennessey, sbarcato come free agent. In difesa, l’attuale quindicesimo in Premier League, recentemente travolto da Manchester City ed Erling Haaland, può ora contare su Neco Williams, ex terzino destro del Liverpool, Renan Lodi, superato dall’Atlético de Madrid, Moussa Niakhate (ex Mainz ), Giulian Biancone (ex Troyes), Omar Richards, strappato al Bayern Monaco, Harry Toffolo, terzino sinistro dell’Huddersfield, Willy Boly, ex Wolves o anche Loïc Badé, in prestito dallo Stade Rennais. A centrocampo, oltre a Morgan Gibbs-White, Forest ha messo le mani su Orel Mangala, Lewis O’Brien, Remo Freuler, Brandon Aguilera, Cheikhou Kouyaté o anche Jesse Lingard, a fine contratto dalla parte dei Red Diavoli.

Autore di due piccole conquiste dopo cinque giorni trascorsi al fianco del meglio del Regno di Sua Maestà, Nottingham Forest non ha però lesinato i mezzi per rafforzare il proprio settore offensivo. Così Emmanuel Dennis è arrivato dal Watford proprio come Taiwo Awoniyi, ha comprato 20 milioni di euro dalla Union Berlin. Retrocesso in Ligue 2 con i Girondins de Bordeaux, anche Ui-jo Hwang ha deciso di unirsi all’ambizioso progetto della formazione allenata da Steve Cooper. Farà parte dell’avventura anche la 21esima ed ultima recluta dei Reds, Josh Bowler, attratto negli ultimi istanti della finestra di mercato.

Inarrestabile per tutta l’estate, il doppio vincitore della Coppa dei Campioni (1979 e 1980) si è comunque dato i mezzi per competere al meglio con i vertici del calcio inglese. Secondo il sito Transfermarkt, le 21 reclute attratte durante lo stesso periodo di trasferimento costituiscono un record assoluto in Inghilterra, ben oltre i 17 arrivi del Crystal Palace durante la finestra di mercato estiva 2013. Resta da vedere se il tecnico gallese, un 3- Seguace 4-3 da inizio stagione, troverà la formula giusta per far brillare in Premier League tutti questi volti nuovi. “Il problema con le manie di grandezza è che non sai dove finisce la grandezza e dove inizia la follia.”

Leave a Comment