Rémi Vaquin sulla sua dolorosa partenza da Agen: “Sono stato travolto e bandito durante la notte”


Rémi Vaquin spiega di aver avuto una brutta esperienza del suo sfratto da Agen nel novembre 2020. (©Icona Sport)

Lo abbiamo lasciato sull’1è novembre 2020, ringraziato da Agen al fianco dell’ex allenatore della SUA Christophe Laussucq, dopo una serie di 5 sconfitte nelle prime 7 giornate della Top 14 e una storica sconfitta in casa del Bordeaux-Bègles (71-5). Da, Remi Vaquin (39 anni) ha voluto volontariamente prendere le distanze dal rugby professionistico. Molto deluso e commosso dalla fine della sua avventura nell’acqua di Agen, accettò di confidarsi Ai tempi del rugby.

“Lo è soprattutto l’affetto che ha subito un colpo», spiega l’interessato al ritorno al suo caotico sfratto dalla SUA. “All’epoca, e anche dopo, è stato molto difficile incassare a livello sentimentaleperché è un club in cui ho investito molto, da giocatore (103 partite con la SUA dal 2012 al 2017) e da allenatore (allenatore a bordo campo dal 2017 al 2019, poi allenatore d’attacco fino al ‘2020), fino a essere spazzato via e quasi bandito durante la notte… È stato molto doloroso!”

“Ho ricevuto offerte dai club professionistici, ma ho voluto dedicarmi alla mia riqualificazione”

Non il tipo da ripetere i suoi fallimenti, l’ex terza linea professionistica superata da Clermont, La Rochelle, Racing 92 e Agen preferisce credere che “non ci siano possibilità nella vita”. “Mi dico che se è successo è perché ho dovuto cambiare le cose nella mia vita o nel mio modo di praticare… Sicuramente ho dovuto riequilibrare alcune cose. Mi piace pensare che nulla accada per caso nella vita. Se è successo, doveva succedere per diversi motivi che ho valutato e analizzato. »

Da questa difficile rottura con l’Agen è nata la voglia di tagliare completamente con il mondo del rugby professionistico, anche se non sono mancate le sollecitazioni. Dalla mia partenza dalla SUA ho ricevuto diverse offerte da club professionistici e federali, anche in questa bassa stagione. Ma prima ho preferito dedicarmi alla mia riqualificazione professionale”, sottolinea colui che è direttore del marchio B-Time France, un concetto innovativo di trarre bevande dal basso che si occupa di importare in Francia.

Molto impegnato con i suoi nuovi impegni professionali, Rémi Vaquin riesce comunque a liberare tempo a cui dare una mano Club amatoriali Lot-et-Garonne che si sono avvalsi dei suoi servizi, da vero appassionato di rugby qual è:

Aiuto il club del mio paese, Colayrac-Saint-Cirq, a 5 km da Agen, che gioca in Regional 3 (ex 3a/4a Serie) e in questa stagione assumerò anche il ruolo di coordinatore sportivo dello Stadium Saint -Livradais (Federale 3). Dopo una stagione difficile, la dirigenza mi ha contattato perché in difficoltà, dato che era stata lasciata andare dall’ex personale proprio all’ultimo momento, a fine giugno. Quindi cerco di lavorare sul campo, ma anche dietro le quinte, per strutturare il più possibile il club di Sainte-Livrade.

Remi VaquinEx allenatore dell’Agen e attuale allenatore degli attaccanti del XV di Francia U20

“L’avventura con le giovani squadre francesi mi ha attirato molto”

Allo stesso tempo, l’ex terza linea internazionale a 7 (2005, 2006 e 2010) fornisce anche la sua esperienza di alto livello, e in particolare la sua conoscenza del tocco, alla prossima generazione del rugby francese. “E’ un’avventura che mi ha attratto molto, perché ho qualcosa con cui vivere con loro pur continuando a praticare il management di alto livello”.

Allenatore degli attaccanti della Francia U20 Development lo scorso anno, Rémi Vaquin è appena stato promosso nello staff del XV di Francia U20 per questa nuova stagione 2022-2023:

Video: attualmente su Actu

Dal gennaio scorso sono stato alla guida degli attaccanti dell’U20 Sviluppo e in questa stagione sono entrato a far parte della dirigenza del XV di Francia U20, nella continuità dello scorso anno. Conduco corsi specifici sulle attitudini di conquista o contatto presso il Centro Nazionale Rugby (CNR) di Marcoussis. Vado anche a tutti i grandi raduni, riunioni o rilevamenti, ma non sono un dipendente della Federazione francese di rugby (FFR). C’è una parte del personale che è e un’altra che è un libero professionista o un fornitore di servizi, che è il mio caso.

Remi VaquinNuovo allenatore degli attaccanti del XV di Francia U20

“Con Benoît Baby eravamo al posto di questi mirtilli, 20 anni fa! »

Accanto a Rémi Vaquin c’è anche un altro nome noto nel rugby francese, Benoît Babyl’ex centro internazionale di tre quarti (9 selezioni) di Tolosa, Clermont e Biarritz, recentemente promosso anche ad allenatore dei tre quarti di mirtilli, dopo essere stato nello staff di U18 e U20 Sviluppo. Una bella storia tra i suoi due amici ed ex compagni di squadra da molto tempo.

“La cosa divertente è che 20 anni fa eravamo entrambi al posto di questi nazionali U20 a Marcoussis, dato che siamo della stessa generazione (1983) e ci siamo seguiti con le squadre di Francia U18, U19 e U21”, rivela Rémi Vaquin, che ora è diventato un allenatore e un imprenditore realizzato.

Questo articolo ti è stato utile? Tieni presente che puoi seguire Actu Rugby nello spazio My Actu. In un click, dopo la registrazione, troverai tutte le novità delle tue città e dei tuoi brand preferiti.

Leave a Comment