golf

Questa pazza collezione di mazze da golf viene messa all’asta

Questa pazza collezione di mazze da golf viene messa all'asta


Questa collezione di mazze da golf è diversa da qualsiasi cosa tu abbia mai visto prima.

L’età d’oro

Ryan Carey era scettico. Quando sei nel business di rintracciare rari ritrovamenti di golf come il fondatore di Golden Age Auctions, i potenziali speditori faranno tutto il necessario per farti guardare le loro collezioni, specialmente in un mercato rovente.

La casa d’aste Carey è stata l’epicentro di alcune delle più grandi vendite di articoli da golf da collezione degli ultimi mesi. Ci sono i ferri e le zeppe “Tiger Slam” usati da Woods che sono stati venduti per oltre $ 5,1 milioni, così come un putter di backup Tiger Scotty Cameron Newport 2 GSS che è costato $ 393.000.

Con i collezionisti che escono dalla lavorazione del legno per incassare i loro oggetti da golf, Carey ha fatto del suo meglio per rintracciare i rari oggetti unici. Detto questo, non tutti gli articoli sono facili da individuare. Quando un collezionista di Chicago ha contattato vantandosi di un’enorme collezione di club che doveva essere vista, Carey inizialmente ha esitato.

“Abbiamo sentito parlare per la prima volta di questo collezionista più di due anni fa”, ha detto Carey a GOLF.com. “Se devo essere onesto, non è che non gli abbiamo creduto, ma non c’era modo di capire la portata della collezione perché era così grande. Quando facevamo domande più approfondite sull’articolo migliore della collezione o sulle dimensioni – domande che di solito ci aiutano a eliminare le collezioni buone da quelle decenti – e se valesse la pena spendere tempo e denaro per volare via, la sua risposta sarebbe sempre stata: ‘ Ho così tante cose, devi solo venire a vederle.’ Mi ha detto che era buono, ma era al di là di quello che avrei mai potuto immaginare”.

Alcuni dei Cameron messi all’asta, incluso un Tiger Woods Newport 2 GSS firmato.

L’età d’oro

Quando Carey ha finalmente fatto il viaggio da Boston a Chicago per controllare di persona la collezione, è stato accolto da più mazze da golf di quante potesse contare.

“È almeno quattro volte più grande del lotto di club più grande che abbia mai visto”, ha detto Carey. “Non abbiamo idea di quanti club ci fossero dentro e non abbiamo ancora un numero preciso. Ci vorrebbe una settimana o più per contarli tutti. Sono migliaia e migliaia di club”.

Solo che questo non era solo un vecchio tesoro del club. Erano migliaia di mazze, molte delle quali mai usate, dal 1800 alle borse piene di cunei Cleveland 588 e centinaia di putter Scotty Cameron della metà degli anni ’90 con la plastica ancora sulle impugnature.

“Alcuni dei Cameron a cui non pensava nemmeno saremmo interessati”, ha detto Carey. “Non li stava raccogliendo per il loro valore finale; questo ragazzo adorava collezionare mazze. La maggior parte dei collezionisti si concentra su un’area singolare, ma questo ragazzo ha club del 1800 e tutto il resto. È molto insolito che qualcuno raccolga da ogni singola epoca del genere.

Solo un piccolo assaggio dei putter Scotty Cameron della collezione.

L’età d’oro

“Ci sono anche vecchi putter Ping Redwood City che Karsten Solheim ha realizzato nel suo garage quando era ancora in California. Abbiamo trovato i copricapo fissati con elastici – e anche quelli si erano calcificati sul coperchio, quindi abbiamo dovuto prendere delle forbici. Nessuno li aveva toccati in tre decenni”.

Mentre la maggior parte dei club erano uscite al dettaglio, la collezione includeva uno Scotty Cameron X in rame unico nel suo genere con un’incredibile storia passata. Secondo Carey, tutte le teste tranne una del lotto sono state rubate ad un certo punto negli anni ’90. L’unica testa rimasta si trovava sulla scrivania del designer di putter Bob Bettinardi – Bettinardi ha lavorato putter per Cameron dal 1993 al 1998 – fino a quando il collezionista di Chicago ha acquistato la testa e l’ha trasformata in un putter.

“E ‘l’unico che esiste”, ha detto Carey. “La storia è che gli altri che sono stati rubati sono stati fusi a causa del prezzo del rame”.

Invece di scegliere gli oggetti migliori per un’asta futura, il collezionista ha chiarito che si trattava di un affare tutto o niente. In altre parole, Carey doveva partire con l’intera collezione del club o tornare a casa a mani vuote. Dopo aver concordato un prezzo, Carey ha noleggiato due semirimorchi per trasportare i club da Chicago a un magazzino a New York.

Carey ha detto che la collezione era quattro volte più grande di qualsiasi cosa avesse mai visto.

L’età d’oro

“Per la consegna localizzata a casa sua, le due grandi semifinali hanno dovuto dividersi in diversi camion più piccoli”, ha detto Carey. “Ci sono volute dozzine di persone per aiutare a traslocare e un mese per portarle tutte al magazzino. In realtà dovevamo procurarci un nuovo magazzino per ospitarli tutti”.

Con le mazze ora in atto, Carey è pronta – il 31 agosto – a svelare la più grande asta di sole mazze da golf sul sito web di Golden Age. L’asta includerà un po’ di tutto, incluso un numero impressionante di putter Ping e Scotty Cameron.

“Alcune persone pensano che stiamo rilasciando troppi putter Scotty Cameron e Ping contemporaneamente, ma pensiamo che il mercato sia pronto per questo”, ha detto Carey. “Vogliamo fare un grande salto e fare in modo che le persone prendano atto di questa asta, invece di lasciarla scorrere e venderne una dozzina alla volta”.

Per quanto riguarda il resto dei club che non effettuano il taglio all’asta, Carey ha confermato che probabilmente verranno donati o spostati in blocco in un secondo momento.

“La parte interessante di questa collezione è che continuiamo a trovare qualcosa di interessante e diverso ogni volta che esaminiamo l’inventario”, ha detto. “C’è sicuramente qualcosa per tutti qui dentro.”

Vuoi revisionare la tua borsa? Trova un luogo adatto vicino a te presso la società affiliata di GOLF Vera Spec Golf. Per ulteriori informazioni sulle ultime notizie e informazioni sugli attrezzi, dai un’occhiata al nostro ultimo podcast completamente attrezzato di seguito!

JWall

Jonathan Wall

Editore di Golf.com

Jonathan Wall è GOLF Magazine e Managing Editor di GOLF.com per le attrezzature. Prima di entrare a far parte dello staff alla fine del 2018, ha trascorso 6 anni coprendo le attrezzature per il PGA Tour.

Leave a Comment