L’USON Nevers gioca per spaventarsi, ma vince contro Soyaux-Angoulême: rivivi la diretta


Una settimana dopo la sconfitta inaugurale a Montauban (29-20), l’USON Nevers è tornato al Pré-Fleuri contro il Soyaux-Angoulême, come parte della seconda giornata di Pro D2. È con sei cambi nel XV titolare (incarichi di Tufele, Chachanidze, Plataret, Fraser, Silago ed Erasmus) che Nevers si è avvicinato all’incontro contro un promosso galvanizzato dalla vittoria su Vannes (31-30).

Le condizioni di gioco, la pioggia torrenziale caduta poco prima del calcio d’inizio, non hanno permesso né al Nivernais né al Charentais di impostare il loro gioco, i falli di mano si sono moltiplicati e i calci non hanno liberato spazio. In questo contesto Nevers ha approfittato dell’indisciplina di Angoulême sulle posizioni di fuorigioco. I rigori di Reynolds, ai 30m e sulla linea dei 22, hanno liberato Nevers (20° e 27°, 6-0), in superiorità numerica dopo il primo cartellino giallo inflitto a Copeland (30°).

Il primo test era atteso da tempo. Erasmo è stato messo in contatto alla fine della linea (35°). Era solo un rinvio. Il maul penetrante neversois ha portato a una meta collettiva e Reynolds ha trasformato (13-0). Soyaux-Angoulême, nonostante il secondo cartellino giallo, riesce a sbloccare il suo contropiede su rigore di Botica (38°, 13-3).

Tutti i nostri articoli su USON

Nevers ha avuto un complicato ritorno dagli spogliatoi. Botica, dai 30m lungo la fascia laterale, ha portato Soyaux-Angoulême sul 13-6, mentre Gibouin ha ricordato i bei ricordi di Pré-Fleuri perforando la difesa, prima di essere ripreso (49°).

Nevers non si è fatto prendere dal panico e ha fatto affidamento sulle basi. Suna cocotte, una specialità della casa, fa ancora male ai visitatori. Hamel ha fallito a un metro dalla linea di porta. Era necessario di più per scoraggiare l’USON. Basato su una nuova mazza, Noah, nel suo stile inconfondibile, ha portato a termine il lavoro alla grande. Reynolds ha assicurato la trasformazione (20-6, 55). A proposito, Gibouin, a sua volta sanzionato, lasciò Angoulême a quattordici contro quindici.

Ricevi la nostra newsletter USON Match Day via e-mail e trova informazioni essenziali ed esclusive sul tuo club preferito.

NL {“path”:”mini-registration”,”id”:”JC_Sports_USON”,”accessCode”:”14179357″,”allowGCS”:”true”,”bodyClass”:”ripo_generic”,”contextLevel”:”KEEP_ALL “,”filterMotsCles”:”2|10|11|14|163|17123″,”gabarit”:”generic”,”hasEssentiel”:”true”,”idArticle”:”4179357″,”idArticlesList”:”4179357 “,”idDepartement”:”277″,”idZone”:”27627″,”motsCles”:”2|10|11|14|163|17123″,”premium”:”false”,”pubs”:”banniere_haute |arena|article|article2|article3″,”site”:”JC”,”sousDomain”:”www”,”tagsArticle”:”#usonsaxv2e2022″,”urlTitle”:”l-uson-non-verrebbe- riuscire-il-suo-ritorno-a-pre-fleuri-contro-soyaux-angouleme-seguire-il-vivere”}

Ma curiosamente, Nevers ha completamente perso il filo dei dibattiti. Lo stivale di Botica ha seminato dubbi (59°, 63°, 68° e 73°, 20-18). A sei minuti dalla sirena, Angoulême è tornato in corsa per una possibile vittoria. Nevers ha offerto un ultimo spavento su un tocco troppo lungo di Beaudaux, ma ha ottenuto la sua prima vittoria, faticosa, della stagione.

Per il resoconto del terzo giorno Nevers andrà a Massy venerdì 9 settembre.

Notiziario. Per conoscere tutte le informazioni sulla stagione USAN Nevers e Pro D2, iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter ”USON, giornata di gioco!”

Leave a Comment