sports

Lo scambio di Donovan Mitchell può aiutare a risolvere il problema di Russell Westbrook dei Lakers? Forse

Lo scambio di Donovan Mitchell può aiutare a risolvere il problema di Russell Westbrook dei Lakers?  Forse


La guardia dei Lakers Russell Westbrook fa gesti ai funzionari durante una partita contro i Golden State Warriors ad aprile. Lo Utah rimane una potenziale destinazione commerciale per Westbrook all’indomani del commercio di Donovan Mitchell? (Jeff Chiu/Associated Press)

Forse un giorno ci sarà una spiegazione chiara del motivo per cui i Lakers hanno deciso di spingere per Russell Westbrook, per fidarsi dei desideri delle loro star per un altro tipo All-NBA invece di un’alterazione più piccola nella forma di Buddy Hield.

Forse era solo una presa miope per una maggiore potenza di fuoco. Forse si trattava di affermare il potere e placare le superstar. O forse è stato solo un errore totale, una scommessa che è rapidamente fallita.

È tutto irrilevante ora che i Lakers fissano in faccia una decisione enorme. I Lakers vogliono davvero venire al ritiro con Westbrook nella loro squadra o sono disposti a pagare un prezzo elevato per provare a annullarlo?

Nelle conversazioni con i dirigenti delle squadre rivali in entrambe le conferenze, è chiaro quale sarà il costo di qualsiasi accordo. Ci vorrà almeno una scelta del primo round per parcheggiare Westbrook da qualche parte e una seconda scelta del primo round per riportare più pezzi di rotazione, hanno detto fonti con conoscenza della situazione non autorizzate a parlare pubblicamente. Tali prezzi potrebbero aumentare (possibilmente con pick swap) o diminuire (contratti negativi che tornano ai Lakers) a seconda delle variabili.

Una di queste variabili, lo status di Donovan Mitchell con gli Utah Jazz, si è rimossa giovedì quando i Jazz avrebbero stretto un accordo a sorpresa con i Cleveland Cavaliers, mandando Mitchell nella vecchia squadra di LeBron James per un trio di giovani giocatori e scelte al primo turno.

Ha formalizzato quelli che molti in giro per l’NBA hanno visto come i due percorsi più praticabili per i Lakers per migliorare ora. O i Lakers aumentano le loro offerte alla ricerca di uno scambio incentrato su Myles Turner e Hield nell’Indiana o rivolgono gli occhi al Jazz per cercare di raccogliere le ossa di un ex contendente spinto in una ricostruzione.

Un accordo con Jazz e Lakers può avere molto senso per entrambe le parti.

Le squadre hanno già lavorato insieme questa offseason sull’accordo Patrick Beverley-Talen Horton-Tucker. I Lakers hanno risorse future per il draft e la necessità di giocatori di ruolo più di qualità, il che fa sembrare il Jazz il posto giusto dove cercare un rifare lo scambio di Westbrook.

(Perché le squadre non l’hanno eliminato prima? Lo Utah aveva bisogno di mantenere la flessibilità in qualsiasi possibile accordo con Mitchell. Ora che è fatto, possono scaricare altre parti).

La conversazione, almeno dalla fine dei Lakers, dovrebbe probabilmente iniziare con il 33enne attaccante Bojan Bogdanovic. Durante le ultime tre stagioni nello Utah, Bogdanovic è stata una seconda opzione da gol, con una media di 18,4 punti e il 44,7% dal campo e il 49,7% da tre. È stato uno dei giocatori più durevoli della NBA da quando è arrivato in NBA nel 2014 e, con un’altezza di 6 piedi-7, si adatta a un’esigenza di posizione come ala piccola.

L'attaccante dei Dallas Mavericks Reggie Bullock, a sinistra, difende Bojan Bogdanovic, attaccante degli Utah Jazz, durante una partita di playoff ad aprile.

L’attaccante dei Dallas Mavericks Reggie Bullock, a sinistra, difende Bojan Bogdanovic, attaccante degli Utah Jazz, durante una partita di playoff ad aprile. I Lakers potrebbero ancora fare un affare per Bogdanovic? (Tony Gutierrez / Associated Press)

Non è un difensore di alto livello, ma Bogdanovic è il tipo di tiratore che dovrebbe creare migliori corsie di marcia per James e Anthony Davis e dare alla squadra più equilibrio offensivo.

Il Jazz, tuttavia, potrebbe cercare di scaricare Bogdanovic – che ha ancora un anno a $ 19,55 milioni di contratto – a un altro contendente nel mercato del tiro all’ala (perché in realtà quasi tutti lo cercano). E uno scambio Bogdanovic separato potrebbe fornire al Jazz una scelta prevista per il primo round in ritardo invece di far parte di un pacchetto più ampio.

Lo Utah potrebbe anche chiedere due primati ai Lakers e lasciare che costruiscano un accordo su chi vogliono.

Quel pacchetto, con o senza Bogdanovic, potrebbe includere giocatori come Mike Conley, Jordan Clarkson e Malik Beasley, che lo Utah ha ottenuto come parte dell’accordo di Rudy Gobert con il Minnesota all’inizio di quest’estate.

Anche se quei pezzi non sono gli accoppiamenti più naturali – i Lakers probabilmente hanno già troppe guardie – ci sono dei veri potenziamenti per i talenti lì.

Conley, che guadagnerà più di $ 22 milioni in questa stagione e $ 24 milioni la prossima, ha visto un calo nella sua produzione nella sua quindicesima stagione lo scorso anno. Presto a 35 anni, Conley ha segnato una media di 13,7 punti e 5,3 assist, anche se ha segnato più del 40% su tre per la seconda stagione consecutiva.

Anche Clarkson, che non è estraneo ai Lakers, ha ancora due anni di contratto.

Dopo aver vinto il sesto premio uomo dell’anno della NBA nel 2021, Clarkson ha lottato a fondo la scorsa stagione, realizzando solo il 31,8% su 7,6 tentativi su tre a partita.

In un certo senso, Beasley è un giocatore simile, anche se più giovane di Clarkson. Anche lui è uno sparatutto da tre punti ad alto volume, sebbene molto più efficiente di Clarkson. Beasley ha raggiunto il 37,7% la scorsa stagione, ma ha lottato all’interno dell’arco, ottenendo il 39,1%. Nessuno dei due è considerato un regista per gli altri, ma entrambi sarebbero un buon marcatore sulla palla con il tiro e la giovinezza di Beasley che probabilmente lo rendono la persona migliore.

La domanda, come sempre, resta il costo.

I Lakers hanno esitato a scambiare le loro scelte del primo turno del 2027 e del 2029 con qualsiasi accordo che non li renda seri contendenti per le prossime due stagioni (quando James è garantito sotto contratto). Forse l’inclusione di Conley in un accordo, considerando i $ 24 milioni dovuti dopo questa stagione, consentirebbe ai Lakers di raccogliere una piccola manciata di giocatori di rotazione di alto livello per una spinta finale con James. E forse i Lakers potrebbero spingere per Jared Vanderbilt, uno specialista della difesa e del rimbalzo di 23 anni, che ha recentemente firmato con Klutch Sports, come dolcificante in qualsiasi accordo in cui stanno sacrificando prima un futuro.

Inoltre, i Lakers potrebbero comunque preferire uno scambio Hield-Turner che costa due primi rispetto a qualsiasi pacchetto che sono in grado di cucinare con il Jazz. C’è stato anche un lungo flirt con l’ex scelta al primo turno Cam Reddish, a cui la squadra era collegata la scorsa stagione alla scadenza e durante questa bassa stagione.

Fonti dicono che i Lakers sono a loro agio ad andare al ritiro con Westbrook nel loro roster, sperando che il nuovo allenatore Darvin Ham possa sbloccare una maggiore intensità in difesa mentre un’altra stagione con James e Davis rende la vita più facile in attacco.

L’argomento per questo, ovviamente, è se i Lakers non possono diventare un vero contendente tramite il commercio questo mese, aspettare e gestirlo lungo la strada attraverso il libero arbitrio o gli scambi futuri. Un cattivo affare ora che li costringe a scaricare uno o due primati futuri non alzerebbe drammaticamente il tetto alla squadra di quest’anno e li ammangherebbe ancora di più lungo la strada, una sorta di scenario peggiore per l’organizzazione.

Tuttavia, è difficile non immaginare come rifare l’accordo con Westbrook – mandando l’ex MVP per più pezzi giocabili – non renderebbe i Lakers migliori a breve termine.

La domanda che stanno rimuginando, tuttavia, è se una qualsiasi delle opzioni che devono affrontare oggi le renda abbastanza buone.

Questa storia è apparsa originariamente sul Los Angeles Times.

Leave a Comment