cycling

Ciclismo. Jérôme Pineau, manager B&B Hotels: “Cinque corridori WorldTour hanno firmato…” – Cyclisme

Ciclismo.  Jérôme Pineau, manager B&B Hotels: "Cinque corridori WorldTour hanno firmato..." - Cyclisme




Cinque esordienti del WorldTour

“Con le estensioni dei piloti che saranno annunciate a breve, avremo 26 piloti nel 2023. E se avremo opportunità, forse arriveremo a 28. Al momento, ho ingaggiato cinque piloti dal WordTour. Ci siamo rafforzati in tutti i settori. Non ho firmato un leader per il semplice e valido motivo che sul mercato non ce n’è. Potrebbero esserci una o due reclute in più. Noi guardiamo. Alcuni nomi trapelati erano completamente falsi. D’altra parte, sì, ho quasi firmato Michael Matthews. Alla fine ha preferito rimanere nella sua squadra attuale (Team BikeExchange). Jean-Louis Le Ny (WB Fybolia Morbihan) non verrà da noi. »

Mark Cavendish

“Sì, stiamo parlando. Non è uno dei cinque che hanno già firmato. È qualcuno che amo molto. Mi piacerebbe molto che venisse da noi, ma è piuttosto complicato. Cavendish è una leggenda del ciclismo. C’è lo sport ma non solo… Sembra una trattativa per l’assunzione di un calciatore. Vuole venire da noi ma non vuole nemmeno venire in ritiro da noi. Se verrà, sarà per vincere. Vogliamo vincere insieme. Oggi, per il suo reclutamento, diciamo che è 50-50. »

Il 2° posto di Axel Laurance nella Bretagne Classic

“Ho seguito la finale della gara in televisione (era il matrimonio). A un certo punto, mi sono detto che lui (Axel Laurance) l’avrebbe fatto. Sono super orgoglioso di lui, anche della squadra. Immagina: sul podio della Bretagne Classic con un neo-professionista che ci siamo allenati al VCP Loudéac. Anche dietro l’intoccabile Van Aert. Quindi sì, ho versato una lacrima. È stato magico.

Con il podio di Franck (Bonnamour), lo scorso anno, sugli Champs-Élysées (era stato eletto Super combattivo del Tour 2021) e la vittoria di Franck all’ultima Polynormande, la nostra prima Coppa di Francia, è il nostro momento più bello dalla creazione della squadra . Siamo sempre bravi ad agosto ma questo è ancora abbastanza pazzesco! »

I progressi del team B&B Hotels-KTM

“Dopo un periodo complicato, la squadra ha la faccia che volevamo. Ad esempio, è bello dirsi delle cose, a volte. Abbiamo Axel (Laurance) che è arrivato 2° a Plouay ma abbiamo anche Alan (Boileau) e Maxime (Chevalier) che hanno fatto un buon Giro di Germania. Questi tre ragazzi non sono usciti dal Tour, il che significa che hanno lavorato molto.

Voglio anche dare un grande pollice in alto a Pierre (Rolland). Gli abbiamo detto che avevamo bisogno di lui dopo il Tour de France e lui sta rispondendo. È l’immagine della squadra, deve essere felice di esibirsi.

Con il senno di poi, potremmo essere stati troppo euforici dopo il Tour de France dell’anno scorso, potremmo non aver fatto tutto il necessario per essere bravi dall’inizio della stagione. »

Tutto mi porta a pensare che Axel Laurance possa diventare un grandissimo

Axel Laurance

“Il suo secondo posto nel WorldTour gli apre grandi prospettive. Non voglio prendermi la mano ma qui siamo ancora ad altissimo livello. Non so fino a che punto possa spingersi, non voglio proiettarmi. A volte mi sbagliavo. Ma tutto mi porta a pensare che possa diventare molto grande. Non mi sorprende che lavori tra i professionisti ma da lì al 2° posto a Plouay nel suo primo anno… Sai che si è preso le sue responsabilità durante il briefing? Quando Didier (Rous, il direttore sportivo) ha chiesto ai ragazzi che si sentivano in grado di essere in finale della Bretagne Classic, ha risposto “me”. È raro in un bambino.

Ma, sai, Axel sta andando bene dall’inizio dell’anno. Ve lo posso dire ora: se non avesse avuto il covid ai tempi del campionato francese, sarebbe stato in pre-lista per il Tour de France. L’idea ora è di prolungare il suo contratto. Diventerà una persona importante nella squadra. »

Il futuro della squadra

“Non ho comunicato dall’arrivo del Tour de France il 24 luglio. Ma, state tranquilli, va tutto bene (il quotidiano L’Équipe ha rivelato che il Comune di Parigi ha deciso di associare il proprio nome alla formazione dei B&B Hôtels). Andiamo avanti, perfezioniamo le cose. Comunicheremo nella seconda parte di settembre. Prima di parlare con la stampa, devo parlare alle mie istituzioni e ai miei partner. Immagino che faccia parlare le persone, che le persone si pongano domande. Io no. Non ho bisogno di dire di più. Diciamo che lascio parlare. Il nome della squadra principale sarà Parigi. Il suo budget sarà di circa quindici milioni. Alla fine di settembre, l’intero progetto sarà spiegato da Madame Anne Hidalgo (il sindaco di Parigi), Emmanuel Grégoire (il suo primo vice), Didier Quillot e io. »

La squadra femminile

“Avrà lo stesso nome della nostra squadra maschile. Comprenderà 12 corridori. Il reclutamento è completo, non è stato facile. L’ho detto, mi piacerebbe molto avere Audrey Cordon-Ragot nella mia squadra. »

Un’identità bretone

“Contrariamente a tutto ciò che si può dire, rimarremo bretoni nel 2023. Breton-parigino, se volete, ma rimarremo bretoni. Il quartier generale della squadra rimarrà a Theix (vicino a Vannes). Avremo un ufficio centrale a Parigi ma avremo sempre un’identità bretone. Quando Jean-René Bernaudeau firma con TotalEnergies, la sua squadra resta in Vandea, giusto? Sì, porteremo il nome della città di Parigi, sì, svilupperemo il ciclismo lì, ma no, non ci muoviamo. La nostra accademia rimarrà Glaz, la nostra squadra di riserva rimarrà il VCP Loudéac. Anche il nostro know-how non cambierà. La squadra sarà sempre presentata al Grand-Champ. Ci saranno riferimenti bretoni sulla nostra maglia, non dimentichiamo da dove veniamo. »

Tutte le notizie sul ciclismo

Leave a Comment