Horse Racing

Stradivarius e Dettori sono i Golden Boys: Gosden

Stradivarius e Dettori sono i Golden Boys: Gosden


Stradivarius riceve “un bel po’ di posta dai fan”, ha detto il suo allenatore John Gosden all’AFP che diventerà sicuramente un’alluvione se eguaglierà il record di Yeats di quattro Ascot Gold Cup (2006-2009) giovedì.

La Gold Cup è la gara di punta della riunione di cinque giorni del Royal Ascot, che accoglierà 12.000 spettatori al giorno rispetto a nessuno dell’anno scorso a causa del blocco della pandemia di coronavirus.

Gosden non potrebbe essere più felice con il suo vecchio guerriero, che si candida per il quinto successo consecutivo al Royal Ascot vincendo il Queen’s Vase nel 2017 prima delle sue tre Gold Cup consecutive.

Gosden – la cui altra star stabile, Palace Pier, si propone di farlo partire da sogno in Queen Anne Stakes di martedì – dice di vedere delle somiglianze tra Stradivarius e il suo fantino Frankie Dettori di 50 anni.

“Sono una coppia di vecchi che vanno piuttosto d’accordo”, ha detto Gosden al telefono all’AFP domenica.

“I due non sono ancora seduti sulle loro sedie a sdraio a guardare il mare sul lungomare di Brighton.

“Sono buoni atleti nonostante la loro età combinata.

“Stradivarius è un cavallo completo di sette anni e posso assicurarti che Frankie è un cavallo completo.

“Sono una coppia piuttosto professionale, però, direi che il comportamento di Stradivarius è come quello di Frankie a 28 anni quando andava in discoteca”.

Stradivarius arriva al suo feudo giovedì dopo aver guadagnato poco meno di £ 3 milioni ($ 4,2 milioni) con 17 vittorie nelle sue 27 partenze.

“Sono molto molto soddisfatto di lui”, ha detto Gosden.

“Potrebbe fare una grande prestazione anche se prevedono pioggia da mercoledì a giovedì, il che mi preoccupa in quanto smusserà il suo giro di piede (accelerazione).”

Gosden dice che la popolarità di Stradivarius deriva dall’essere un personaggio.

“È visto piuttosto come i vecchi saltatori che vanno avanti per anni”, ha detto Gosden.

“C’è un seguito per le gare di Coppa. Lui è un personaggio, più un castano con quattro calzini bianchi.

“Si merita la fama. Riceve un sacco di mail di fan che ci crediate o no.

“Dipende tutto dal suo proprietario/allevatore Bjorn Nielsen che ha sempre cercato di allevare un vincitore del Derby, ma si è ritrovato con un leggendario cavallo della Gold Cup”.

– ‘Molto in gamba’ –

Stradivarius e Palace Pier danno a Gosden una presenza abbastanza forte all’incontro – “la nostra (corsa piatta) grande settimana dell’anno anche se la stagione non è ancora a metà strada” – ed è felice che loro e altre stelle equine come lo sprinter Bataash sarà acclamato questa volta.

“Ci sono molte persone appassionate di corse e sono pronte a passare attraverso il processo di test del flusso laterale (per il coronavirus) ogni giorno per partecipare”, ha detto.

“Ammetto che è stato piuttosto surreale stare seduti in tribuna ad Ascot a mangiare il tuo panino da un sacchetto di carta marrone e bere il tuo caffè senza nessuno intorno a te”.

Se prevalgono Palace Pier o Stradivarius, non sarà solo Gosden a dar loro il benvenuto come allenatore vincente, ma anche suo figlio Thady che è passato dall’essere il suo assistente negli ultimi cinque anni.

“Lui (Thady) è sopravvissuto a quella sentenza ed è stata una progressione naturale per lui”, ha detto Gosden, 70 anni.

“Lui è molto sulla palla e per me è un grande aiuto.

“È stato anche molto stimolante dal mio punto di vista lavorare con mio figlio che ha idee molto migliori del suo vecchio padre”.

Ascot ha avuto un ruolo importante nella vita di Gosden e non solo in pista, ma anche fuori.

“Rachel (Hood) ha deciso che era la cosa giusta da fare e così siamo tornati dalla California per una settimana per sposarci alla vigilia di Ascot nel 1982.

“Non siamo andati a letto prima delle cinque del mattino e il giorno successivo non mi sentivo al meglio ad Ascot!

“Presto festeggeremo insieme i 50 anni (ha iniziato a frequentarsi all’Università di Cambridge nel 1973)… dovrebbe ricevere la Croix de Guerre!”

pi/n

Leave a Comment