headlines

“Sono stata picchiata e violentata”: una ragazza afgana accusa un alto dirigente talebano di averla aggredita e sposata con la forza

"Sono stata picchiata e violentata": una ragazza afgana accusa un alto dirigente talebano di averla aggredita e sposata con la forza


l’essenziale
In un video pubblicato sui social media, una donna afgana accusa un alto funzionario talebano, Saeed Khosty, ex portavoce del ministero dell’Interno, di averla violentata e picchiata.

Una giovane afgana ha detto in un video pubblicato sui social media che un alto leader talebano l’ha picchiata, violentata e sposata con la forza. Accuse negate dal membro del regime fondamentalista islamista.

La donna di 25 anni, che si chiama semplicemente Elaha, spiega di essere stata aggredita sessualmente da Saeed Khosty, ex portavoce del ministero dell’Interno. Saeed Khosty ha negato le accuse di aggressione, dicendo di aver divorziato da Elaha dopo un “matrimonio di consenso”. Le accuse e le loro smentite vengono trasmesse e condivise migliaia di volte sui social media in Afghanistan, dove è raro che tali dettagli personali vengano trasmessi pubblicamente.

“Mi ha filmato e ha minacciato di pubblicare il video”

Nel video pubblicato martedì, Elaha, che si definisce una studentessa di medicina all’Università di Kabul, racconta in lacrime la prova che ha vissuto per diversi mesi. “Sono stata picchiata. Sono stata violentata. Non sapevo cosa fare. Mi ha filmato e ha minacciato di pubblicare il video”, assicura la giovane.

Elaha, che sostiene di essere la figlia di un ex generale afghano, dice di aver cercato di fuggire ma è stata catturata al posto di Torkham al confine con il Pakistan, da dove è stata portata in una prigione di Kabul. Aggiunge che le è stato poi chiesto di scusarsi con l’alto leader talebano ed è stata picchiata quando si è rifiutata di farlo. Non si sa da dove Elaha abbia pubblicato questo video e dove si trovi attualmente.

Leggi anche:
TESTIMONIANZA. In Afghanistan, a un anno dal ritorno dei talebani: “I miei amici non escono più per non dover indossare il burqa”

“Il tribunale può punirmi”

“Aveva alcuni problemi riguardo alle sue convinzioni e alla sua fede. Ho cercato di correggerla attraverso discussioni e consigli, ma non ha funzionato”, si è difeso l’alto funzionario talebano in una dichiarazione pubblicata su Twitter. “Non l’ho picchiata, ma usando i miei diritti islamici, ho divorziato da lei. Mi pento del mio matrimonio frettolosamente contratto con lei”, ha continuato.

Ha aggiunto che la giovane donna era libera di sporgere denuncia contro di lui. “Se la mia colpevolezza è provata, il tribunale può punirmi. Se non crede nei tribunali dell’Emirato islamico, allora sono pronto ad andare in qualsiasi tribunale desideri”, ha affermato Saeed Khosty.

“Chiedo scusa ai mujaheddin (combattenti) dell’Emirato islamico e alla nazione dell’Afghanistan. Che Dio mi perdoni”, ha aggiunto Khosty. Dopo che il video è emerso, l’hashtag #justiceforElaha è diventato virale sui social media.

Donne in grande difficoltà

Saeed Khosty ha anche ricevuto il sostegno di alcuni talebani, anche sui social media. L’anno scorso, il leader supremo dei talebani Hibatullah Akhundzada ha emesso un ordine esecutivo in cui ordina alle autorità di intraprendere un’azione rigorosa contro coloro che “costringono le donne a sposarsi attraverso la coercizione o la pressione”.

Le difficoltà incontrate dalle donne sono solo aumentate da quando i talebani sono tornati al potere l’anno scorso. I fondamentalisti islamici hanno chiuso le scuole secondarie per ragazze in molte province e hanno escluso le donne da molti lavori governativi. Hanno anche ordinato alle donne di coprirsi completamente in pubblico, idealmente con un burqa.

Leave a Comment