football

Mercato. Perché Jessy Deminguet soggiorna all’SM Caen

Mercato.  Perché Jessy Deminguet soggiorna all'SM Caen


La telenovela della finestra di mercato si è conclusa giovedì alle 23:00 e il suo risultato deve aver deluso Jessy Deminguet, il cui destino avrà fatto notizia a livello locale per tutta l’estate.

Nessuna porta di uscita è stata convalidata per trasferire l’ex capitano. In questo caso in cui le discussioni tra l’entourage del giocatore, i club interessati e l’SM Caen sono state aspre, la gestione del club normanno è stata inflessibile fino alla fine, per quanto riguarda le condizioni finanziarie da soddisfare.

In particolare, nonostante i solleciti di Tolosa di inizio settimana, dopo già due offerte replicate, non sono stati ritenuti soddisfacenti dal board normanno.

Come gestire dopo?

Caen aveva concesso a Deminguet il buono d’uscita che aveva richiesto in primavera. Ma a malincuore, e alle sue condizioni. Una questione anche per affermare la difesa degli interessi dell’ente, come esempio da dare per il futuro, da parte di un club che aveva fatto grandi sforzi per cercare di estenderlo? Il clan Deminguet ha pensato in ogni caso di vedere più facilmente svincolato il giocatore.

Secondo le nostre informazioni, la SMC non avrebbe ricevuto un’offerta da 2 a 2,5 milioni di euro garantiti per il riscatto dell’ultimo anno di contratto di Deminguet, soglia alla quale avrebbe fissato i suoi requisiti. Anche se questo accordo non fosse stato raggiunto, il giocatore rimarrebbe a Caen e sarebbe libero di impegnarsi altrove da gennaio 2023: un “rischio” finanziario che gli azionisti erano pronti ad assumersi.

Nessun attaccante aggiuntivo per ora

Mentre Deminguet sarà ancora da Caen questo venerdì 2 settembre, inizierà un’altra grande sfida: assicurarsi di rimetterlo in pista il prima possibile, nell’interesse di tutte le parti, in attesa di vedere cosa accadrà nel mercato invernale, o anche su altro mercato ancora aperto all’estero. Nonostante Deminguet si alleni da lunghe settimane con le riserve, non gioca una sola partita dalla fine della scorsa stagione.

Sulla carta, poter contare su Deminguet rappresenterebbe un grande valore aggiunto sportivo per la squadra, e il club è convinto che potrebbe essere loro utile. Ma in che stato d’animo sarà il giocatore, che aveva la testa altrove, e lo spogliatoio? Quale gestione di Stéphane Moulin?

Mentre Deminguet non era stato inserito in organico al momento della ripresa, ci siamo particolarmente rammaricati internamente dell’impossibilità di aver raggiunto un accordo con il Lexoviano per il suo rientro nel gruppo subito dopo l’inizio del campionato.

Alla fine hanno perso tutti: il giocatore, scomparso dai radar in mezzo alla finestra di mercato, e il club, che avrebbe potuto ricevere offerte più alte se Deminguet avesse brillato in campo.

Giovedì sera è stata archiviata anche la pratica per un ulteriore attaccante. “Abbiamo sempre detto che avremmo assunto qualcuno solo se ci portasse un valore aggiunto. Non è facile, ma sono contento dei miei attaccanti e per niente preoccupato”.ha assicurato Stéphane Moulin giovedì all’inizio del pomeriggio.

Leave a Comment